13-07-2018 21:00

Stagione Ribelle \ Let’s Play
Parola chiave: #Ribelle


Imma  ايما
Immagini mistiche del Marocco di Aisha
Spettacolo di danza e video
PRIMA NAZIONALE
13 luglio, ore 21.00
Per acquistare i biglietti clicca qui

Immagini Mistiche del Marocco di Aisha
Invisibile madre della morte, Aisha
Immortale AishaIdeazione Teresa Noronha Feio e Gabriele Licchelli
Con Teresa Noronha Feio, Gabriele Licchelli e Saverio Bari
Progetto della Fondazione Nazionale della Danza / in collaborazione con Les Halles de Schaerbeek – Bruxelles e Maison de l’Elu – MarrakechPer Voices&Borders la FND/Aterballetto propone IMMA di Gabriele Licchelli videomaker e Teresa Noronha Feio danzatrice, due giovani artisti che la FND/Aterballetto promuove, coadiuvati dall’attore e drammaturgo Saverio Bari: un lavoro di traduzione della memoria collettiva di Aisha Kandisha, una Jinniyya della mitologia marocchina, di origine incerta tra il Portogallo e il Sudan. IMMA è un tentativo, non fedele, di cogliere la sua essenza e di tradurla in una performance trans-disciplinare, che utilizza la coreografia e il video come linguaggi di traduzione dei materiali raccolti durante le residenze artistiche dei due autori a Marrakech nei primi mesi del 2018.

Partecipa al laboratotrio
The Story Collector / con Teresa Noronha Feio e Gabriele Licchelli
Laboratorio di danza e video
14 luglio, ore 15.00-18.00
15 luglio, ore 15.00-16.00 (alle 19.30 restituzione pubblica laboratorio) 
Per iscriverti gratuitamente clicca qui

 

“Thinking thought usually amounts to withdrawing into a dimensionless place in which the idea of thought alone persists. But thought in reality spaces itself out into the world.It informs the imaginary of peoples, their varied poetics, which it then transforms, meaning, in them its risk becomes realised. Culture is the precaution of those who claim to think thought but who steer clear of its chaotic journey. Evolving cultures infer Relation, the overstepping that grounds their unity diversity.Thought draws the imaginary of the past: a knowledge becoming. One cannot stop it to assess it nor isolate it to transmit it. It is sharing one can never not retain, nor ever, in standing still, boast about.”

 

Poetics of Relation,  Edouard Glissant

Il laboratorio vuole esplorare i miti popolari e la consapevolezza che ogni cultura ha del proprio immaginario collettivo, della sua diversità e dei suoi punti di contatto. Si affronteranno alcuni testi chiave, tratti dei lavori di Edouard Glissant (Poetics of Relation) e Gérard Bouchard (Social Myths and Collective Imaginaries). Successivamente gli artisti forniranno ai partecipanti un dispositivo performativoutile allo sviluppo di un viaggio corporeo e di scrittura, per costruire un momento d’incontro, di scambio e di ricostruzione della memoria collettiva e personale.

I partecipanti saranno invitati a condividere un proprio “mito identitario”, fortemente legato alla propria formazione etica e sociale. Questi “miti” saranno trasposti all’interno di una partitura di teatro-danza dove l’uso del corpo e del movimento sarà alternato alla narrazione diretta. Obiettivo del workshop sarà la costruzione di una breve restituzione dove, tra voce e movimento, i partecipanti possano rappresentare alcuni estratti della propria “mitologia” collettiva.


Fondazione Nazionale della Danza

La Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto è l’unico centro di produzione della danza di natura totalmente pubblica in Italia, capace di assumere funzioni di promozione e sviluppo della danza nel nostro Paese e di proiettare l’immagine della danza italiana con i suoi artisti sul piano internazionale. Nasce nel 2003 con soci fondatori la Regione Emilia-Romagna e il Comune di Reggio Emilia, svolgendo la sua attività principale di produzione e distribuzione di spettacoli di danza con il marchio Aterballetto, la principale compagnia in Italia e la prima realtà stabile al di fuori delle Fondazioni Liriche. Aterballetto nel corso della sua storia ha goduto di ampi riconoscimenti sia in Italia sia all’estero. Nel corso della sua storia più recente tanti sono i coreografi italiani e internazionali che hanno collaborato con la compagnia, tra cui Mauro Bigonzetti, Michele Di Stefano, Andonis Foniadakis, William Forsythe, Johan Inger, Jiri Kylian, Cristiana Morganti, Jiri Pokorny, Cristina Rizzo, Hofesh Shechter e Giuseppe Spota. Con Gigi Cristoforetti, a cui è stata affidata la direzione da settembre 2017, la Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto ha intrapreso un nuovo corso con una rinnovata dinamica progettuale.

Scarica il programma completo di Voices&Borders 

La Fondazione ti consiglia
pagina 45008\