14-12-2017 18:30
Luogo: Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Sala di Lettura - Viale Pasubio 5, Milano

Stagione Ribelle \ Let’s Think
Ciclo di incontri: BookLab \ Risorse per il nostro tempo


L’approdo mancato è un concetto che Mario Pirani propone nel 1991 in un testo pubblicato sulla rivista “Il Mulino”. Tre le occasioni mancate su cui Pirani invitava a riflettere – l’elettronica, il nucleare, la distribuzione petrolifera – sostenendo che se avessimo colto queste opportunità saremmo pervenuti a un approdo giapponese.

Leggi il testo di Mario Pirani in formato eBook: Tre appuntamenti mancati dell’industria italiana

Franco Amatori riprende questa suggestione e proponendo di intendere, con questa espressione, approdo alla frontiera dell’economia mondiale

Era un fatto scontato che l’Italia, giunta alla fine del secolo scorso al quinto posto nel mondo per ricchezza prodotta annualmente, dovesse arretrare, così com’era inevitabile che subisse i rigori della crisi scoppiata negli Stati Uniti nel settembre del 2008.

L’avvento della globalizzazione e l’ascesa dei cosiddetti Brics, in particolare della Cina, fanno sì che l’Italia non possa mantenere le sue posizioni. Allo stesso tempo, l’enorme massa dei titoli tossici non poteva non avere effetti sull’economia già gravata da un debito pubblico fra i più alti del mondo. Tuttavia, questi veri e propri uragani sarebbero stati affrontati in modo ben diverso se l’apparato economico e, in particolare, industriale italiano fosse stato di maggiore consistenza; se il paese avesse potuto avvalersi di una grande industria chimica, elettronica, automobilistica; se avesse avuto una più vasta diffusione delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione; se fosse stato più autonomo dal punto di vista energetico.

La storia la si comprende se si studiano “come sono realmente andate” le cose. E tuttavia la questione rimane: Che cosa sarebbe accaduto se lo snodo del post miracolo (fine anni Sessanta, anni Settanta) avesse avuto un esito diverso?

Intervengono

Franco Amatori – Università Commerciale Luigi Bocconi
Piergaetano Marchetti – Fondazione Corriere della Sera
Domenico Siniscalco – Morgan Stanley Bank
Salvatore Veca – Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

 

 

> Leggi la scheda del libro

 

Conosci il curatore

FRANCO AMATORI è professore di Storia economica all’Università Boc­coni di Milano.
L’attività scientifica lo vede prevalentemente impegnato nel ramo della Business History per la quale ha potuto usufruire degli insegna­menti ricevuti in una lunga frequentazione con maestri come Alfred Chandler, David Landes, Franco Bonelli. Nella sua attività di ricerca si è dedicato prevalentemente a temi di storia dell’impresa italiana, dalla siderurgia a ciclo integrale alla grande distribuzione, dalla chimica al settore automobilistico, dai distretti industriali all’impresa pubblica, alle biografie di imprenditori. Ha così contribuito a colmare un grave vuoto nella storia economica del paese. Per questo motivo è stato chia­mato a insegnare alla Bocconi, dove ha indirizzato allo studio della storia d’impresa diversi giovani. Fra questi, di particolare importanza, è il rapporto con Andrea Colli, suo coautore di due sintesi che hanno avuto un’ottima accoglienza fra studiosi e studenti, Impresa e industria in Italia dall’Unità a oggi, Marsilio, Venezia 1999, e Business History. Complexities and Comparisons, Routledge, London 2011. Ha curato con Andrea Colli Il Mondo globale, Giappichelli, Torino 2017.
Amatori è presidente dell’ASSI, l’Associazione di storia e studi sull’impresa. È stato presidente dell’EBHA, la European Business Hi­story Association. È socio onorario straniero dell’American Historical Association. Fa parte dell’editorial board delle tre più importanti riviste di Business History: “Business History Review”, “Enterprise and Socie­ty”, “Business History”.
Con Louis Galambos (Johns Hopkins University) dirige per la Cam­bridge University Press la serie “Comparative Business History”.

La Fondazione ti consiglia
pagina 37940\