31-01-2019 18:30
Luogo: Fondazione Giangiacomo Feltrinelli - Viale Pasubio 5, Milano

Stagione Capitale 2018/2019 | Partecipazione e diritti


Alfabeto arabo-persiano. Quando le parole raccontano un mondo

di

Giuseppe Cassini, Wasim Dahmash

Un libro per tutti coloro che desiderano approfondire storia e caratteri distintivi dell’Islam, partendo proprio dall’alfabeto

BOOKLAB

Giovedì 31 gennaio – 18.30

L’alfabeto della tolleranza Le parole raccontano un mondo? Volgendo in domanda il sottotitolo di Alfabeto Arabo-Persiano, di Giuseppe Cassini Wasim Dahmash, si suggerisce un esercizio utile e necessario: è possibile accostarsi alla lingua araba laicamente e andare alla scoperta dei significati non solo semantici che evoca? Nella proposta di 61 parole scelte in rappresentanza della millenaria cultura arabo-persiana il confronto individua i fondamenti della multiculturalità e della tolleranza.

 

Con
Giuseppe Cassini e Wasim Dahmash

autori di Alfabeto arabo-persiano. Quando le parole raccontano un mondo (Egea)

Paolo Luigi Branca, Università Cattolica del Sacro Cuore

Hamza Roberto Piccardo, editore e traduttore

 

Modera Gad Lerner, giornalista e scrittore

 

Gli autori: Giuseppe Cassini ha ricoperto incarichi diplomatici in Belgio, Algeria, Cuba, Stati Uniti, Somalia, Nazioni Unite e Libano, dove è stato ambasciatore dal 1998 al 2002. Ha scritto Gli anni del declino. La politica estera del governo Berlusconi 2001-2006 (2007), l’ebook Anatomia di una guerra. Quella «stupida» guerra in Iraq (2013) e La 17a Agenzia. L’America al bivio (2015). Wasim Dahmash ha insegnato lingua, dialettologia e letteratura araba alle Università di Roma La Sapienza e di Cagliari. È autore di monografie e antologie in prosa e in poesia. In arabo ha tradotto poesie di Montale, Saba, Ungaretti, Luzi, e in italiano poesie di Bennis, Darwish, al-Qasim, Nasrallah.

La Fondazione ti consiglia
pagina 51432\