Tre week end!
Dal 15 al 17 giugno | Dal 22 al 24 giugno | dal 30 al 1 luglio

Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

L’arte come atto politico, il corpo come strumento di dissenso, il palcoscenico che diventa territorio di libertà e denuncia. La nuova edizione del Festival estivo di Socotra dà voce agli artisti non allineati, agli immaginari in pericolo, ai diritti violati, portando in scena la relazione tra le emozioni, il potere e i suoi cortocircuiti. Tre weekend, ciascuno dedicato a un linguaggio: satira, teatro civile e danza. Un viaggio tra forme diverse di resistenza poetica che, con leggerezza e intelligenza, fioriscono nelle improvvisazioni di grandi comici – per la prima volta insieme a Milano in una “festa della comicità e della satira” –, negli spettacoli di compagnie teatrali indipendenti, nelle prime nazionali delle performance di danza. Perché è anche attraverso la messinscena, il movimento ribelle dei corpi e la risata, che si rinnova un senso vivo, caldo, aperto di comunità.


Scopri il programma
e  prenota il tuo posto 


15 / 16 / 17 giugno
SATIRA

Cose che  fanno ridere 
Festa della della satira e della comicità
ideato e curato da Beppe Cottafavi, Matteo Ravenna

Viale Pasubio 5, Milano

Chiacchiere e comicità, improvvisazioni e ospiti a sorpresa. Tre giorni dedicati alla stand-up comedy, in una miscela di format inediti ideati da Beppe Cottafavi con Matteo Ravenna per Fondazione Feltrinelli.

CON Luca Ravenna | Valerio Lundini | Edoardo Ferrario | Michela Girau | Francesco De Carlo | Alessandro Gori | Chiara Galeazzi | Filippo Ceccarelli | Claudio Giunta | Fumettibrutti


Giovedì 15 giugno


15 giugno, ore 19.00
Viale Pasubio 5, Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm
TALK show / SATIRA

Disegnare la libertà

Incontro con Fumettibrutti, fumettista e attivista 

È la rivelazione del fumetto italiano. Attraverso il disegno ha dato forma a sentimenti e delusioni personali e universali raccontando un percorso di transizione che ha trasformato cultura, morale e società. Poetica e brutale, colpisce come la grande satira. Trafigge e seduce, commuove e dà pugni in faccia con la maturità e la consapevolezza dei grandi narratori. Ci fa ascoltare un canto di lancinante purezza e libertà. Tutti suoi libri sono pubblicati da Feltrinelli. 

Conduce Beppe Cottafavi 

 → Prenota il tuo posto 


15 giugno ore 21.00
Viale Pasubio 5, Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

Opening Welcome to Socotra

Saluti di
Massimiliano Tarantino
Direttore Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

SHOW / SATIRA
15 giugno ore 21.00, Viale Pasubio 5, Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

LUCA RAVENNA COMEDY GAME & MILANO 

Un format inedito, pensato per il Festival Socotra di Fondazione G. Feltrinelli, in cui Luca Ravenna, tra i più brillanti stand-upper della scena italiana, dialogherà con il pubblico improvvisando con pezzi originali e interagendo con altri comici milanesi, ospiti a sorpresa.

 → Prenota il tuo posto 

Luca Ravenna, milanese, classe 1987. Ha collaborato con il collettivo romano The Pills. Autore della web serie Non c’è Problema su Repubblica.it e di Quelli che il Calcio su Rai 2. Ha partecipato a Natural Born Comedians e Stand up Comedy su Comedy Central. Con Edoardo Ferrario conduce il podcast Cachemire, ogni settimana su YouTube, arrivato al primo posto su Spotify Italia. Ha pubblicato tre spettacoli comici: In The Ghetto (2018), Luca Ravenna Live@ (2020) e il suo Improv Special vol.1 (2021) su The Comedy Club e Comedy Central. Nel 2021 ha partecipato a LOL – Chi ride è fuori su Prime Video. Nel 2022, continua il successo dei suoi live show con 568, in un tour europeo che ha toccato i 35mila spettatori.

 


SHOW / SATIRA 

15 giugno ore 23.00
Viale Pasubio 5, Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

Alessandro Gori legge Cuore  e altri classici per l’infazia

Alle elementari, una vita fa, eravamo tutti col nostro bel grembiulino nero, il colletto bianco e il fiocco. Blu per i bambini e rosso per le bambine. E i nostri genitori ci infagottavano in quelle giacche a vento pesantissime. Oggi invece posso davvero dirlo: mala tempora currunt. I bambini sono tutti firmati da capo a piedi. Non ce n’è uno che abbia un maglione preso al mercato o un taglio di capelli da diecimila lire. Credo che questi pargoli abbiano tutti bisogno di tre sole cose: le lettere di rimprovero del babbo di Enrico Bottini in Cuore, le fionde de I ragazzi della via Pal e la bara del piccolo Miles in Incompreso. E noi gliele daremo.

→ Prenota il tuo posto

Alessandro Gori è scrittore, monologhista, paroliere, creatore del blog Lo Sgargabonzi!. Autore di Le avventure di Gunther Brodolini (Fuorionda, 2013), Bolbo (Fuorionda, 2014), Il problema purtroppo del precariato (Fuorionda, 2015), Jocelyn uccide ancora (minimum fax, 2018), Confessioni di una coppia scambista al figlio morente (Rizzoli Lizard, 2022). Con quest’ultimo libro e l’omonimo spettacolo ha vinto il Premio della Satira. È stato autore e attore a Una Pezza di Lundini. Ha scritto racconti e fumetti per Linus, Internazionale e Domani. Per Rolling Stone è autore della rubrica settimanale Conglomerandocene. Internazionale l’ha definito “il miglior scrittore comico italiano”.


Venerdì 16 giugno


TALK show / SATIRA
16 giugno ore 23.00
Viale Pasubio 5, Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

Poverina: ridere della sfiga

Incontro con Chiara Galeazzi, comica e autrice di Poverina (Blackie edizioni)

Quando all’umorista americana Fran Lebowitz venne chiesto di sintetizzare la sua narrativa, rispose: «Mi alzo, guardo l’ora, torno a letto». Chiara Galeazzi, in questo senso, “si è alzata, ha avuto un ictus, è tornata a letto”. Il libro Poverina è la cronaca della sua emorragia cerebrale, del decorso, del ricovero e del conseguente periodo di riabilitazione. Un pezzo di straordinaria letteratura umoristica che, come nella migliore delle tradizioni, comincia con una mancata tragedia. In un mare di memoir senza capo né coda, dove ogni libro autobiografico si assomiglia e tutti parlano la stessa lingua artificiale, Poverina è una boccata d’aria fresca. Umorista enciclopedica della televisione, Galeazzi ha fissato un nuovo standard. E pensare che voleva solo lamentarsi della sua sfortuna.

Con Giulio D’Antona  | Conduce Beppe Cottafavi

→ Prenota il tuo posto 

 


SHOW / SATIRA 
16 giugno ore 21.00

Viale Pasubio 5, Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

Gioconde, l’arte come non l’avete mai ascoltata

Per la prima volta un podcast live diventa show

con Michela Giraud, Francesco De Carlo, Maria Onori, storica dell’arte

Non tutti sanno che Michela Giraud, attrice e comica, regina della stand-up comedy romana, si è laureata in Storia dell’arte. Proprio per questo ha deciso, dopo i successi su Netflix con lo show La verità, lo giuro! e nel reality comico LOL – Chi ride è fuori di Amazon Prime Video, di dar voce alle sue passioni nel podcast Gioconde. Giraud conduce gli episodi insieme alla sua amica e compagna di studi Maria Onori, dottoranda presso la Sapienza di Roma. «È il podcast sulla storia dell’arte di cui non sapevate di aver bisogno, ma che noi abbiamo deciso di fare lo stesso»: questo lo slogan che apre tutti gli episodi. Per Socotra lavorerà sulla satira a partire dai Sonetti lussuriosi di Pietro Aretino e le sue lettere a Tiziano Vecellio.

→ Prenota il tuo posto

Guest Star Francesco De Carlo

Michela Giraud, classe 1987, nel 2015 entra nel cast di Colorado e di CCN – Comedy Central News, dove lavora per tre edizioni (e conduce il programma nel 2020). L’anno successivo debutta al cinema ne I babysitter con Francesco Mandelli. Parallelamente prosegue la sua carriera teatrale e da stand-up comedian, con partecipazioni a Sorci verdi, Quelli che il calcio, Sbandati, nonché quella sul web, con diversi video per Educazione Cinica, un episodio di Vegan Chronicles, e la webserie Involontaria. Nel 2021 è concorrente alla prima edizione di LOL – Chi ride è fuori e inizia a condurre su Real Time C’era una volta… l’amore, dove analizza le crisi di alcune coppie per aiutarle a decidere se lasciare o continuare la relazione.

Francesco De Carlo romano, è stato speaker nel programma radiofonico Chiamata a Carico, in onda su Radio Globo. Ha partecipato a diversi programmi Rai, La7 e Sky (Aggratis e Gli Sgommati) e a tutte le stagioni di Nemico Pubblico su Rai Tre, Comedy Central News e Stand Up Comedy (entrambi su Comedy Central). Tra dicembre 2017 e gennaio 2018 è autore e interprete di Tutta colpa della Brexit, il diario in quattro puntate di un comico italiano a Londra ai tempi della Brexit, in onda su Rai Tre. Vive tra l’Italia e il Regno Unito, dove si esibisce in diversi teatri e comedy club. I suoi ultimi lavori in tv sono The Roast of Italy (Comedy Central) e Data Comedy Show (Rai Due). Su Radio2 conduce Prendila Così insieme a Diletta Parlangeli. Ha scritto il libro La mia Brexit (Bompiani).


Sabato 17 giugno


TALK show/SATIRA
17 giugno ore 19.00
Viale Pasubio 5, Milano 

Esiste ancora la satira? Che cosa ci fa ridere?

Con Filippo Ceccarelli, Beppe Cottafavi, Claudio Giunta, Luca Ravenna


SHOW / SATIRA
17 giugno ore 22.00
Viale Pasubio 5, Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

Il punto definitivo sulla comicità mondiale

Gran finale di stand-up comedy tra improvvisazioni e talk show
con
Edoardo Ferrario, Valerio Lundini, Luca Ravenna, Francesco De Carlo

I più talentuosi e acclamati stand-upper italiani, tutti insieme, per la prima e unica volta, in un quartetto da sogno. In esclusiva per il Festival Socotra di Fondazione Feltrinelli si lanceranno in cose che ci fanno ridere.
Guest Star: ospiti a sorpresa Filippo Ceccarelli, firma storica de la Repubblica e ospite fisso di Propaganda live, da una vita segue il teatrone della politica. Con i suoi due ultimi libri Invano. Il potere in Italia da De Gasperi a questi qua e Lì dentro. Gli italiani nei social, entrambi pubblicati da Feltrinelli, ha descritto e deriso il Paese e la sua politica.

→ Prenota il tuo posto 

Beppe Cottafavi, editor e semiologo, ha ideato e diretto Comix, dirige il Festival della Satira e il Premio Internazionale di Satira Politica di Forte dei Marmi, è responsabile della cultura del quotidiano Domani, dirige il mensile culturale Finzioni. È stato l’editor di molti comici e satirici

Claudio Giunta, italianista e dantista, è professore di Letteratura italiana all’Università di Trento.

Edoardo Ferrario inizia la sua carriera di comico con Sabina e Caterina Guzzanti, prima su La7 (Un due tre stella) e poi su MTV (La Prova dell’Otto). Nel 2014 è autore e interprete di Esami-La serie, webserie cult con 15 milioni di views su Youtube. Speaker di Radio2 dal 2017, ha collaborato con Serena Dandini nel programma Staiserena. Nel 2019 Netflix produce il suo special Temi Caldi, primo spettacolo di stand-up comedy italiano distribuito in tutto il mondo dalla piattaforma. Per Mondadori ha pubblicato Siete persone cattive – Storie comiche di mostri italiani. Dal dicembre 2020, insieme a Luca Ravenna, conduce il podcast settimanale Cachemire. Dalla primavera del 2022 è in tour in Italia ed Europa col suo nuovo spettacolo Il Dittatore Sanitario. Conduce Black Out, lo storico programma di Radio2 ideato da Enrico Vaime.

Luca Ravenna, milanese, classe 1987. Ha collaborato con il collettivo romano The Pills. Autore della web serie Non c’è Problema su Repubblica.it e di Quelli che il Calcio su Rai 2. Ha partecipato a Natural Born Comedians e Stand up Comedy su Comedy Central. Con Edoardo Ferrario conduce il podcast Cachemire, ogni settimana su YouTube, arrivato al primo posto su Spotify Italia. Ha pubblicato tre spettacoli comici: In The Ghetto (2018), Luca Ravenna Live@ (2020) e il suo Improv Special vol.1 (2021) su The Comedy Club e Comedy Central. Nel 2021 ha partecipato a LOL – Chi ride è fuori su Prime Video. Nel 2022, continua il successo dei suoi live show con 568, in un tour europeo che ha toccato i 35mila spettatori.

 

Valerio Lundini, comico, conduttore, autore televisivo. Nel 2019 partecipa al programma Battute? in onda su Rai 2. Nel 2020 è co-conduttore di L’Altro Festival, nuova versione del Dopofestival di Sanremo. Sempre nel 2020 arriva il primo ruolo da conduttore principale nel programma Una pezza di Lundini, in onda in seconda serata su Rai 2. L’anno dopo pubblica Era meglio il libro (Rizzoli Lizard). Dall’estate del 2021 porta in giro per l’Italia il suo spettacolo Il Mansplaining spiegato a mia figlia, con grande successo di pubblico e oltre 70 date sold out. Nel 2022 gira il suo primo film da protagonista, Il più bel secolo della mia vita, e a novembre dello stesso anno esce il suo secondo libro Foto mosse di famiglie immobili.


Punto di riferimento per l’alta formazione di strumentisti ad arco, il corpo docenti dell’Accademia riunisce alcuni tra i più affermati ed apprezzati artisti italiani ed internazionali. 


22 / 23 / 24 giugno
TEATRO CIVILE

SPETTACOLO/ TEATRO CIVILE
Nathan Ellis, Teatro delle Marche, Sulayman Al Bassam, Hala Omran, Abdel Reda Kobeyssi, Ali Hout 

Giovedì 22 giugno

ore 21.00
Viale Pasubio,5 Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

Work Txt

Uno spettacolo senza attori, interamente messo in scena dagli spettatori, chiamati a partecipare sia in sala che (per chi lo vorrà) sul palcoscenico. Esperienza interattiva, che diverte ed entusiasma, Work Txt è perfetto per un pubblico che, nell’andare a teatro, abbia il desiderio di partecipare ad un live coinvolgente, capace non solo di saldare una connessione tra gli spettatori, ma anche di rendere diversa e unica ogni rappresentazione, a seconda del luogo e delle persone che ne prendono parte.

La performance che ruota attorno alla gig economy, l’instabilità finanziaria e i lavori fittizi ha vinto nel l Red Theatre International Award for Innovation 2021, ha guadagnato le nomination per l’Innovation Award al VAULT Festival 2020 e per l’OffWestEnd Award IDEA Production 2022 ed è stato invitato allo Showcase internazionale di Caravan 2022. 

Odiate il vostro lavoro? Vieni a lavorare per noi.
Questo è uno spettacolo sul lavoro.
Ma il lavoratore non è qui, quindi tocca a voi.
Registrerete il vostro orario all’inizio.
Avrete brevi pause a intervalli regolari.
Lavorerete in squadra e di vostra iniziativa.
Sarete il capo di voi stessi.
Sarete liberi.

→ Prenota il tuo posto


Venerdì 23 giugno


PERFORMANCE/ TEATRO CIVILE
23 giugno ore 21.00
Viale Pasubio,5 Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

MUTE – work in progress 

Il nuovo testo del drammaturgo kuwaitiano Sulayman Al Bassam è tanto un giallo che scandaglia le tracce di un crimine gigantesco – l’esplosione nel porto di Beirut dell’agosto 2020 – quanto un testo poetico-politico che si interroga sulle possibili forme di resistenza di fronte alla violenza.  La voce di un uomo – investigatore, poliziotto, giudice, investigatore, insomma – interroga la forma silenziosa di una donna, la “Muta”, personaggio metaforico dell’intellettuale, dell’artista, dell’essere umano che sceglie il silenzio come forma di espressione. E ne fa un’arma, una strategia, una risposta: quando i due personaggi si intrecciano, non si sa più se sia un oratore a sviscerare le parole di una muta, o se sia lei stessa – la muta – oratore e interlocutore. 

→ Prenota il tuo posto


sabato 24 giugno


24 giugno ore 15.00 – 18.00
Viale Pasubio,5 Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

WORKSHOP di teatro documentario 

Un fatto è un fatto

Ai partecipanti verrà proposto di indagare attorno a un fatto noto e sarà richiesto di produrre e raccogliere delle interviste. Dal momento che questo fatto sfiora la vita di ciascuno, chi rilascerà un’intervista lo farà a partire dal proprio personale punto di vista. Come si è sentita quando lo ha scoperto, dove era e con chi? Cosa ti ricorda questo fatto? A cosa lo associ? Il workshop si divide in tre fasi. Si inizia raccogliendo le testimonianze, prima all’interno del gruppo di partecipanti, poi fuori, intercettando, di persona o al telefono, le voci di persone estranee al processo creativo. Il materiale selezionato confluirà, insieme a quello degli altri, in un testo, pronto per essere recitato in pubblico o letto in privato. Scopo del workshop è fornire a ciascun partecipante gli strumenti utili per condurre in autonomia un’indagine di teatro documentario.

Con Teodoro Bonci del Bene

→ Prenota il tuo posto

 


29 / 30 giugno / 1 luglio
Danza

Nasa 4 Nasa, Sebastian Abarbanell 


giovedì 29 giugno


SPETTACOLO/ TEATRO CIVILE
WORKSHOP
19.00 – 21.00

Viale Pasubio 5, Milano
Ingresso gratuito, prenotazione consigliata su dice.fm

The vibrant body

Scoprire ed espandere l’universo che abita l’interno di ciascun corpo. Celebrare il movimento e le sensazioni che arrivano dai gesti, dallo spostamento nello spazio, dal ritmo. Comprendendo e sperimentando la meccanica del nostro corpo, la sua anatomia, i suoi strati e la sua mobilità, possiamo esistere nello spazio tra l’attivazione/direzione del movimento e l’abbandono alle sue forze. Questo innesca delle sensazioni che possono stimolare la continuazione del movimento. Per farlo, ci affideremo al groove e alle vibrazioni che riceviamo dalla musica. La pratica trae ispirazione dalla metodologia di Sidra Bell, Gaga, Dose of pleasure di Alvin Collantes e dal lavoro coreografico personale dell’artista. Il workshop è aperto a chiunque sia interessato al movimento, indipendentemente dall’esperienza.

Con Sebastian Abarbanell

→ Prenota il tuo posto


venerdì 30 giugno


DANZA
21.00

NO MERCY – Prima Nazionale

Una coreografia che esplora i limiti del desiderio, la sensualità dei corpi e la loro interazione con la violenza, tra spazio fisico e realtà virtuale. I due corpi femminili navigano tra gli sguardi, facendo riferimento ai loro repertori di immaginari pop sul corpo e sulla rabbia. Il collettivo di danza egiziano Nasa4nasa attrae e disarma, mettendo in contatto lo spettatore con il vissuto del proprio dramma in un set techno pop.

→ Prenota il tuo posto

Nasa4nasaCollettivo di danza con sede al Cairo, co-fondato dalle danzatrici Noura Seif Hassanein e Salma Abdel.

Noura Seif è un’artista visiva, coreografa e ballerina. Laureata nel 2007 presso la Facoltà di Belle Arti, ha esposto le sue opere presso lo Youth Salon Cairo, il Carrousel du Louvre, il Grand Palais, PhotoCairo e la Gypsum Gallery. Nel 2012 è entrata a far parte del programma di danza professionale del Cairo Contemporary Dance Center e da allora si è esibita in spettacoli coreografati, tra gli altri, da Mohamed Shafik, Karim Mansour, Mirette Michael, Marten Spanberg e Hend El Balouty.

Salma Abdel Salam ha conseguito un master in Performance Studies presso la NYU Tisch e si è diplomata al programma di danza professionale del Cairo Contemporary Dance Center. Nel corso della sua carriera si è esibita con coreografi come Benoit LaChambre, Tino Sehgal, Yoshiko Chuma e molti altri. Oltre alla sua attività di danzatrice, Salma Abdel Salam insegna Performance Studies e Teoria della danza presso l’AUC e il Cairo Contemporary Dance Center. Attualmente sta lavorando al suo primo progetto di libro: una biografia della danzatrice egiziana Farida Fahmy.

Produzione: AFAC and Orient Productions
Performance e coreografia: nasa4nasa
Djset: Ismail Hosny & Noura Seif
Musica: Turathy Album- Autostrad
Prayer (spoken text): MouniraWakim
Disegno luci: Cord Haldun
Direzione tecnica: Moody Kablawi

 


sabato 1 luglio


21.00
DANZA

Home – Prima Nazionale

Produzione di danza multidisciplinare che racconta i viaggi possibili dei nostri corpi alla ricerca di un’identità sempre instabile. Prima fondendo il movimento con le forze che lo influenzano dall’esterno e poi separandosene, l’artista – in un’atmosfera intima di gesti e ritmo – compie un movimento di liberazione che lo conduce a trovare il proprio spazio in una società che definisce ed etichetta.

La produzione prevede la collaborazione con artisti internazionali per la musica, le proiezioni video, le luci, la drammaturgia, i costumi, l’arte visiva e la scenografia.

→ Prenota il tuo posto


Sebastian Abarbanell è un artista queer di danza, performer e coreografo pluripremiato con sede a Berlino. Con il suo lavoro prova a illuminare e mettere in discussione temi socialmente e politicamente rilevanti. Dopo essersi diplomato al Trinity Laban di Londra nel 2015, ha trascorso quattro anni a New York dove ha collaborato con diversi artisti e compagnie, tra cui Sidra Bell Dance New York, Gallim Dance e BIRDHOUSE. Con la sua prima produzione completa da solista Home (2021), è stato selezionato tra i ventitré artisti di Aerowaves, un centro per la scoperta della danza in Europa. Tra i suoi insegnamenti figurano corsi per Sasha Waltz & Guests, Sidra Bell Dance New York e Theater Pforzheim e in istituzioni come NYU Tisch, Gibney Dance, Dock11 Berlin e University of the Arts di Philadelphia. È membro del KDV Dance Ensemble di Kianí Del Valle e di Sasha Waltz & Guests.www.sebastianabarbanell.com / @sebastian.abarbanell

Direzione, Coreografia & Performance: Sebastian Abarbanell
Disegno luci: Barnaby Booth
Drammaturgia: Tuan Ly
Musiche Originali: Slowdanger, Seb Brun & SUM1
Additional Music: Claude Debussy & AGF
Video Proiezione: Sina Lesnik & César Brodermann
Costumi: Sebastian Abarbanell
Produzione Management & PR: Apricot Productions
Direzione Tecnica: Shaly Lopez
Prop Construction: Gideon Mikolaiczyk & Max Warkentin
Photografia: Sara Herrlander