Nutriamo il dibattito #LabExpo

Dal 13 luglio, con TwLetteratura, abbiamo letto e commentiamo su Twitter il Patto della Scienza di LabExpo: una grande conversazione online sul futuro del pianeta.

Englisbandiera UKh Version

Scarica e leggi i Tweetbook del dibattito suddivisi nei sei passaggi chiave individuati per commentare il Patto della Scienza (Sicurezza alimentare, Beni collettivi, Accesso all’energia, Innovazione tecnologica e sociale, Cibo e identità, Sostenibilità dei processi di produzione agroalimentare):

Sicurezza alimentare: #LabExpo/foodsec (ITA ENG)

Beni collettivi: #LabExpo/commons (ITA ENG)

Accesso all’energia: #LabExpo/energy (ITA ENG)

Innovazione tecnologica e sociale: #LabExpo/innovation (ITA ENG)

Cibo e identità: #LabExpo/foodscape (ITA ENG)

 Sostenibilità dei processi di produzione Agroalimentare: #LabExpo/foodprod (ITA ENG)


Quest’estate LabExpo diventa #LabExpo. Comincia infatti LabExpolunedì 13 luglio, per proseguire fino a ottobre, il progetto di lettura e riscrittura su Twitter di alcune parti salienti del Patto della Scienza per Expo Milano 2015. Con hashtag #LabExpo, appunto. TwLetteratura e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli invitano così la comunità degli utenti di Twitter a una grande riflessione online sui temi di Expo Milano 2015: sostenibilità, agricoltura e nutrizione, cibo e identità, nuove governance urbane, innovazione tecnologica e sociale. Una riflessione condotta applicando il metodo TwLetteratura: lettura e riscrittura/commento su Twitter.

Il Patto della Scienza, realizzato dal Laboratorio Expo della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, sintetizza il lavoro di oltre un anno, portato avanti sotto la direzione di Salvatore Veca nell’ambito del programma scientifico di Expo 2015. Il documento, la cui redazione ha coinvolto oltre 100 tra università e istituti di ricerca internazionali, sviluppa una serie di questioni aperte e quindi si offre al dibattito e ai contributi di tutti. Perché, ricorda Veca, la scienza ha “la responsabilità di fare domande, per aprire lo spazio dove dare risposte”.

Il documento è anche la base scientifica della Carta di Milano, un “manifesto” partecipato e condiviso che richiama ogni cittadino, associazione, impresa o istituzione ad assumersi le proprie responsabilità per garantire alle generazioni future di poter godere del diritto al cibo. Chi ha già firmato la Carta di Milano o sta pensando di farlo, trova dunque nel Patto della Scienza ulteriori spunti di riflessione.

COME PARTECIPARE:

Prendere parte alla conversazione online sui temi del Patto della Scienza è facile. Abbiamo identificato sei passaggi del documento particolarmente significativi, ciascuno dedicato a una grande questione. Li leggeremo e commenteremo su Twitter, a mano a mano che saranno disponibili sul sito web di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, secondo il seguente calendario:

Ogni giorno, dunque, leggi il testo in calendario e commentalo su Twitter insieme alle comunità di @FondFeltrinelli e @TwLetteratura, usando l’hashtag #LabExpo. Con un tweet puoi riassumere, parafrasare, trasformare, contestare o proporre link a risorse online per alimentare la discussione. Puoi anche raccogliere i tweet più belli su Tweetbook e condividerli con la comunità.

Nella conversazione di #LabExpo sono coinvolti anche i ricercatori che hanno curato la realizzazione del Patto della Scienza. Puoi interagire con loro via Twitter e approfondire i temi di tuo interesse. Vogliamo che #LabExpo diventi una grande occasione di confronto fra la comunità scientifica e l’opinione pubblica sui temi della sostenibilità ambientale ed etica, sulla cultura del cibo, lo sviluppo sostenibile e sul rapporto città/cittadini.

Partecipare alla lettura/riscrittura su Twitter del Patto della Scienza significa partecipare a un dibattito sul futuro del pianeta e dare la propria personale adesione alla grande piattaforma aperta della @CartadiMilano, l’eredità culturale di @Expo Milano 2015. Ti aspettiamo!

Il progetto è stato realizzato con il contributo di Innova Cultura Regione Lombardia, Camere di Commercio Lombarde e Fondazione Cariplo.

Condividi
La Fondazione ti consiglia