26-02-2021 15:00

L’incontro è a partecipazione libera, su piattaforma Zoom 
Per iscriverti, clicca qui


 

Nell’ambito del percorso di ricerca e divulgazione Science for All. Come la ricerca scientifica può migliorare il viaggio della vita, il secondo workshop – che vede il coinvolgimento di esponenti della comunità accademica, scientifica e istituzionale, privata e del terzo settore – propone una riflessione sulle modalità di accesso, utilizzo e interpretazione dei dati e sul ruolo che questi possono avere, tra impatti e opportunità, nello sviluppo di politiche pubbliche attente alla tutela dell’interesse collettivo.

Come regolare l’accesso e la condivisione di informazioni preziose ma anche altamente sensibili? In una società dove i dati sono sempre più presenti, ma non sempre vengono usati “bene”, come trasmettere ai cittadini la cultura dei dati e altresì promuovere l’educazione al dato in ottica di citizen science? Quanto il decisore pubblico deve orientare le sue scelte in base alle evidenze scientifiche?


Programma

15:00 Introduzione e apertura dei lavori

Saluto istituzionale iniziale
Patrizio Bianchi, Ministro dell’Istruzione

Intervento di apertura
Francesca Ieva, Politecnico di Milano

15:30 Lo scenario a cui tendere: strumenti, risorse e raccomandazioni

Panel

Francesca Anglois, Associazione per lo Sviluppo della Valutazione e l’Analisi delle Politiche Pubbliche (ASVAPP)
Andrea Borruso, OnData
Francesca De Chiara, Fondazione Bruno Kessler
Bruna Gumiero, Osservatorio Citizen Science | Università di Bologna
Ivana Pais, Università Cattolica
Gabriele Pelissero, Fondazione Sanità Futura | Università di Pavia
Federica Piron, Fondazione Giacomo Brodolini
Andrea Sottoriva, Computational Biology Research Centre, Human Technopole
Andrea Trentini, Università di Milano
Luciano Violante, Fondazione Leonardo
Stefano Zapperi, Complex Data | Università di Milano

Coordina i lavori

Niccolò Donati, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Partecipa

Federico Magrin, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

 

17.30 Conclusioni

18.00 Q&A pubblico


L’incontro è a partecipazione libera, su piattaforma Zoom con possibilità di porre domande nella sessione finale dell’incontro.

Per iscriverti, clicca qui

In collaborazione con Human Technopole e Arexpo


Incontro precedente


La ricerca scientifica può oggi aprire a nuove opportunità contribuendo al miglioramento della qualità della vita dei cittadini, a patto che le conoscenze prodotte non restino confinate ai luoghi della ricerca, ma siano valorizzate e condivise all’interno di un ecosistema sensibile all’innovazione e in grado di costruire fiducia nei progressi della ricerca. Se le infrastrutture di ricerca sono importanti, altrettanto lo è il dialogo tra chi vi opera quotidianamente, le attività produttive, la cittadinanza e la sfera politica.

Il workshop, primo incontro del percorso di ricerca e divulgazione Science for All, vede il coinvolgimento di esponenti della comunità accademica e scientifica, privata e del terzo settore, istituzionale e finanziaria, e si focalizza principalmente su due aspetti:

  • Il primo riguarda il miglioramento della comunicazione scientifica attraverso la creazione di piattaforme di divulgazione e disseminazione che possano generare conoscenza diffusa tra la popolazione. Conoscenza scientifica, nel campo delle scienze della vita, può significare informazioni (quasi) immediatamente fruibili dal pubblico, a patto che siano diffuse in forma sicura, capillarmente. In Italia, l’Università si è dotata della Terza Missione per far sì che i benefici della ricerca scientifica non rimangano appannaggio di pochi esperti ma possano creare benessere diffuso nelle comunità, attraverso vari punti di caduta, tra cui l’informazione volta a promuovere comportamenti salutari e sostenibili per l’ambiente. Come proseguire su questa strada? Quale sarà il ruolo delle pubblicazioni open-access? E come evitare che l’accesso diretto al sapere scientifico produca effetti negativi o incomprensioni, favorendo movimenti antiscientifici o negazionisti?
  • Il secondo riguarda la rilevanza del concetto di trasferimento tecnologico. Le scoperte scientifiche da sole non bastano: perché la filiera possa dirsi completa, occorre chiedersi come la scienza della vita possa concretamente migliorare la vita dei cittadini, passando da una trasmissione e una condivisione efficace delle conoscenze scientifiche.

Con l’obiettivo di interrogarsi su una via italiana innovativa alla ricerca scientifica per contribuire al miglioramento della qualità di vita dei cittadini, l’incontro affronta su alcune questioni cruciali, tra cui:

  • Quali misure sono presenti in Italia e in contesti nazionali comparabili, volte a far convergere gli interessi della ricerca e i più ampi interessi della società?
  • Come creare piattaforme di condivisione del sapere scientifico accessibili a tutti e quali precauzioni adottare per evitare che l’accesso diretto al sapere scientifico produca scetticismo a causa di malinterpretazioni?
  • Come governare il trasferimento tecnologico per consentire ad attori economici e sociali di avere aspettative stabili rispetto alla ricerca e favorire percorsi di riforma e ammodernamento sia in ambito pubblico che privato? Quale il ruolo dell’attore pubblico?

Introduzione ai lavori

Massimiliano Tarantino Direttore Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Iain Mattaj Direttore Human Technopole

Intervento di apertura

Marco Montorsi Rettore Humanitas University e membro del Consiglio Superiore di Sanità

Coordinano

Andrea Zucca Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
Nicolò Donati Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Partecipano

Francesco Blasi Università degli Studi di Milano
Alessio Beverinaco-founder e partner di Panakes Partners
Silvano Bosari Direttore Scientifico, Policlinico di Milano
Enrico Caiani Politecnico di Milano
Alberto Di Minin Scuola Superiore Sant’Anna
Antonio Gaudioso Cittadinanza Attiva
Cristina Giacoma Direttrice Dipartimento Scienze della Vita, Università degli Studi di Torino
Roberta Guainieri Assessora a Turismo, Sport e Qualità di Vita, Comune di Milano
Laura Iacovone Università degli Studi di Milano
Federico Lega Università degli Studi di Milano
Carlo Mango Consigliere Delegato di Cariplo Factory e Direttore Area Ricerca Scientifica e Trasferimento Tecnologico di Fondazione Cariplo
Gaia Simonetta Panina Chief Scientific Officer, Novartis
Andrea Paolini Vice Presidente Cluster Alisei
Donatella Sciuto Prorettrice per la Ricerca, Politecnico di Milano


L’incontro è a partecipazione libera, su piattaforma Zoom
Per iscriverti, clicca qui


In collaborazione con Human Technopole e Arexpo

La Fondazione ti consiglia
pagina 97287\