torna in cima

ITA | ENG

www.fondazionefeltrinelli.it


La globalizzazione, la rivoluzione digitale, la crisi ecologica, l’insostenibilità dei sistemi economici contemporanei sono solo alcuni dei grandi fenomeni che stanno ridisegnando le principali sfide di sviluppo ritratte dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) dell’agenda ONU. In questo mutevole e complesso scenario, che chiama all’azione istituzioni, enti di ricerca e organizzazioni internazionali, si evidenzia una crescente domanda orientata verso professionisti in grado di operare a diversi livelli della sostenibilità: i Sustainable Development Jobs.


Negli ultimi anni, si è assistito a un crescente impegno da parte di imprese e di privati nello sviluppo di nuovi percorsi di Corporate Social Responsability e nell’implementazione di aree dedicate al Sustainability management. Queste attività si affiancano a un più consolidato orientamento della comunicazione e del marketing di molte aziende che hanno visto nella cultura della sostenibilità un’opportunità per rilanciare la brand identity della propria impresa.

Le trasformazioni in atto sono il frutto di un’intensificata azione di advocacy da parte di organizzazioni e istituzioni internazionali che ha portato all’approvazione nel 2000 degli United Nations Millennium Development Goals (MDGs), ampliati e rinnovati nel 2015 dai Sustainable Development Goals (SDGs); al libro Bianco sul futuro dell’Unione Europea di Jean Claude Juncker; alla Carta di Milano in occasione di Expo Milano 2015; alla firma degli Accordi di Parigi e ai recenti esiti della Cop24 di Katowice.


Un tale scenario sottolinea l’urgenza da parte dell’intera comunità internazionale di ripensare alcuni fondamenti degli attuali modelli di produzione e consumo, da un utilizzo efficiente delle risorse, all’introduzione di forme di economia circolare, fino alla riorganizzazione degli spazi urbani, secondo modelli che integrino innovazione, tecnologia, ma anche benessere sociale, nel rispetto della biodiversità dei territori e delle comunità.

In questo contesto, nasce il Master di secondo livello in Sustainable Development Jobs promosso dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca e Fondazione G. Feltrinelli in collaborazione con l’Università degli studi di Milano, il Politecnico di Milano, l’Università degli studi di Pavia e l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASvIS). Un percorso multidisciplinare di alta formazione, basato sulla forte integrazione tra teoria e pratica che intende sviluppare competenze e conoscenze, combinando i diversi volti della sostenibilità e superare i verticalismi di un approccio settoriale. Il Master è promosso da soggetti attivi nella ricerca e nella didattica che hanno costituito un’alleanza per creare una piattaforma di insegnamenti, pratiche, competenze, network in grado di generare un percorso professionalizzante per studenti e un piano di aggiornamento per professionisti del settore.

L’offerta formativa

1. Partenariato didattico composto da Università degli studi di Milano-Bicocca, Fondazione G. Feltrinelli, Università degli studi di Milano, Politecnico di Milano, Università degli studi di Pavia e da Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASVIS);

2. Adozione di una visione integrata degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGS) dell’agenda ONU;

3. Proposta di un percorso didattico multidisciplinare, volto a approfondire tutti gli aspetti della sostenibilità;

4. Forte orientamento al mondo del lavoro, grazie alla mesa a fuoco di 5 profili professionali (Sustainability manager, sustainability ambassador, community engager, communication specialist, research advisor) al coinvolgimento diretto di aziende nella didattica per workshop e analisi case studies e la previsione di tirocini formativi in oltre 20 aziende partner.

 

Obiettivi formativi

1. Creare figure professionali in grado di coniugare l’ambito della sostenibilità con le diverse componenti della società contemporanea: dalle dinamiche imprenditoriali nel settore privato e alle esigenze del settore pubblico, di sapere interagire con le comunità, cogliendone necessità e aspettative.

2. Fornire gli strumenti per analizzare criticamente e in maniera integrata i molteplici aspetti che sottendono al tema della sostenibilità.

3. Promuovere la diffusione di pratiche concrete orientate alla sostenibilità.

 

Piano didattico

Il piano formativo prevede un percorso che mette in stretta connessione teoria e pratiche di sostenibilità. Le attività si compongono di attività didattiche che, oltre agli inquadramenti teorici dei temi affrontati, fornisce gli strumenti di analisi, progettazione, gestione e monitoraggio essenziali per la comprensione e la gestione integrata degli aspetti sociali, ambientali, economici e culturali che alimentano lo sviluppo sostenibile.

    Insegnamenti

 

      ore

 

Sustainable development: policy, concepts and measures
A cura di Università degli Studi di Pavia

L’intento è di discutere i principali concetti di sviluppo e le relative misure in chiave critica e di esaminare strumenti e politiche di sostenibilità. Dalle agende di sviluppo: dagli MDGs agli SDGs; all’analisi della crescita, diseguaglianza e povertà, fino alla discussione di Indicatori di sviluppo economico (tassi di crescita), di sviluppo umano (HDI, IHDI, MPI etc) e di mancato sviluppo.

       48
Analysis, conservation and evaluation of biodiversity and natural resources
A cura di Università degli Studi di Milano – Bicocca

verranno trattati i temi della definizione di biodiversità, della storia della vita sulla terra e sulle possibili vie di gestione, a partire dalla crisi attuale.

       48
Basic of circular economy
A cura di Università degli Studi di Milano – Bicocca

verranno fornite conoscenze aggiornate sulle tecnologie avanzate utili per lo sviluppo di una società basata sulla bio-economia. Le principali componenti dell’intera filiera saranno descritte e analizzate, identificando i bisogni e i benefici tecnologici derivanti dal passaggio di paradigma all’economia circolare.

       32
Principles and methods for an integrates evaluation of social and environmental impact
A cura di Università degli Studi di Milano – Bicocca

Gli studi sugli impatti della mobilità e della nuova morfologia degli insediamenti socio-economici e residenziali, oltre a fornire strumenti di analisi e valutazione preventiva degli impatti sull’ambiente, utilizzabili nell’ambito delle procedure di Valutazione di Impatto ambientale, di Valutazione Ambientale Strategica e di Autorizzazione Integrata Ambientale.

       32
Sustainable consumer choices and food policy
A cura di Università degli Studi di Milano

L’insegnamento mira a fornire gli strumenti per analisi del quadro generale della sostenibilità nel sistema alimentare con particolare focus su trend di consumo nel mercato alimentare; sui drivers che determinano le scelte di consumo; sugli standard di sostenibilità degli alimenti;  sull’etichettatura e la certificazione dei prodotti alimentari e sulle politiche di  food market.

       48

Integrated design of sustainable nutrition-sensitive agro-food system

A cura di Università degli Studi di Milano

competenze nell’ambito della progettazione innovativa di sistemi alimentari attenti alla nutrizione secondo un approccio basato sul cibo per sistemi agroalimentari e stili di vita sostenibili; fino al ripensamento dell’intero sistema alimentare, dall’azienda agricola alla trasformazione, al trasporto, al consumo fino alla gestione dei rifiuti.

       48

Planning for sustainability. cities and communities

A cura del Politecnico di Milano

strategie di progettazione partecipata in contesti ad alto livello di vulnerabilità sociale, economica, ambientale, con un focus negli ambiti della pianificazione di città e comunità sostenibili e la progettazione partecipata degli spazi urbani.

       24

Territorial planning and climate changes

A cura del Politecnico di Milano

Analisi, progettazione e gestione degli spazi urbani con un focus sull’adattamento e sulla mitigazione degli effetti di fattori di stress sugli ecosistemi antropici, attraverso la declinazione del concetto di resilienza nelle sue diverse accezioni.

       24
    Laboratori
a cura di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

 

      ore

 


Sustainability culture

Analisi di metodi e pratiche per comunicare la sostenibilità, con particolare attenzione all’utilizzo di approcci innovativi di coinvolgimento del pubblico, attraverso l’uso del web, e la pratica del crowdsourcing.
       24

Stakeholders and community engagement

strumenti, modalità e obiettivi dello stakeholders engagement e community engagement, con particolari focus sull’analisi di case studies e best practices.
       24

Responsible Research and Innovation

Introduzione agli aspetti chiave della RRI, dai problemi di genere, all’open access, all’etica e integrità, al coinvolgimento del pubblico e all’educazione scientifica. Analisi di case studies declinati nelle quattro dimensioni della RRI.
       24

Metrics for sustainability

Introduzione alle misure di quantificazione, misurazione delle performance in ambito ambientale, sociale e governativo. Analisi di indici compositi nel framework della sostenibilità, con presentazione cases studies..
       24

Consensus building and science diplomacy

Focus sulla connessione tra scienza e politica, al fine di promuovere cambiamenti d’impatto e attività di advocacy, nei meccanismi di governance, all’interno del quadro degli SDGs
       24

Project management

strategie di management di tutte le fasi di realizzazione di progetti nel settore dello sviluppo sostenibile e nel framework degli SDGs: dal suo obiettivo strategico, alla gestione della struttura analitica, fino alla sua comunicazione.
       24
   
Stage

Nel secondo semestre del Master, al termine delle attività didattiche in aula, ogni studente sarà chiamato a svolgere uno stage curriculare presso uno degli enti partner del Master, volto ad approfondire attivamente una delle professioni della sostenibilità.
Tra i partner:

Per gli allievi già occupati è prevista la possibilità di svolgere un’attività di Project Work all’interno del contesto lavorativo di appartenenza, atta a sperimentare attivamente i contenuti appresi durante il percorso didattico formativo del master. Tale attività è definita in accordo tra il Comitato Scientifico, il datore di lavoro e l’allievo.

 

Destinatari

il Master si rivolge a:

1. laureati magistrali e vecchio ordinamento di tutte le classi di laurea in tutti gli ambiti di afferenza;

2. professionisti del settore privato;

3. funzionari della pubblica amministrazione, degli enti governativi;

4. esperti affiliati a organizzazioni non governative e agenzie internazionali.

Docenti

FILIPPO ADDARII (Founding Partner e CEO Plus-Value)

ALESSANDRO BANTERLE (professore ordinario in Economia e Politica alimentare. Università degli studi di MIlano;

STEFANO BOCCHI (professore ordinario in agronomia e coltivazioni erbacee. Università degli studi di Milano-Bicocca);

PAOLA BRANDUARDI (professore ordinario in chimica e biotecnologia delle fermentazioni. Università degli studi di Milano-Bicocca);

MAURIZIO CASIRAGHI (professore ordinario di zoologia. Università degli studi di Milano-Bicocca);

LAURA CAVALLI (è senior researcher presso Fondazione Eni Enrico Mattei nell’ambito del programma di Ricerca Sustainability and Society (SAS) e Sustainable Development Solutions Network Manager per l’Italia);

ENRICA CHIAPPERO MARTINETTI (professore ordinario in Politica Economica. Università degli studi di Pavia);

ENRICO GIOVANNINI (portavoce di ASViS Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile);

UGO GUARNACCI (Policy officer, Commissione Europea);

STEFANO MIRTI (Architetto e coordinatore NABA Milano);

EUGENIO MORELLO (professore associato in tecnica e pianificazione urbanistica. Politecnico di Milano);

MARCO ORLANDI (professore ordinario di chimica analitica. Università degli studi di Milano-Bicocca);

EMILIO PADOA-SCHIOPPA (professore associato in biologia ed ecologia del paesaggio. Università degli studi di Milano-Bicocca);

GABRIELE PASQUI (professore ordinario in tecnica e pianificazione urbanistica. Politecnico di Milano);

NICO PITRELLI (Responsabile comunicazione e relazioni con i media, SISSA);

FRANCESCO RAMPA (European Center for Development and Policy Management (ECDPM);

ADRIANA VALENTE (Research Director, Social Studies of Science, Education, Communication, Institute for Research on Population and Social Policies- The National Research Council);

SALVATORE VECA  (presidente onorario Fondazione Giangiacomo Feltrinelli)

 

Prospettive professionali


1. Sustainability manager: figura che mira a ridurre l’impatto ambientale dei processi produttivi, favorendo nel contempo, processi di inclusione sociale, di rigenerazione territoriale e di capacity building attraverso l’interazione con le comunità locali.

2. Sustainability ambassador: si presenta come il referente a livello aziendale in grado di cogliere, interpretare e affrontare le sfide e le problematiche in termini di sostenibilità dei processi di produzione, distribuzione e consumo che sono alla base del modello di business aziendale.

3. Community engager: una figura in grado d’interagire con le comunità locali intercettandone le necessità, le aspettative e le capacità, al fine di promuovere dinamiche virtuose di valorizzazione del territorio, guardando a tutte le sue risorse, da quella ambientali a quelle umane.

4. Communication specialist: da intendersi come comunicatore e content manager in grado di individuare, attraverso la conoscenza dei fenomeni, criticità, soluzioni, chiavi di lettura per comprenderli, raccontare la sostenibilità, la sua dimensione collettiva e la necessità di intenderla come una questione su cui ciascuno deve intervenire.

5. Research advisor: una figura che sappia pianificare e realizzare progetti, adottando metodologie d’indagine che garantiscano output di ricerca costruiti e orientati per rispondere a reali necessità inclusione e condivisione di risorse, risultati e conoscenze.

Modalità d’iscrizione

La domanda di ammissione telematica dovrà essere presentata sul sito www.unimib.it selezionando Accedi a > Segreterie Online entro il giorno 18 marzo 2019.

 

 

Informazioni

Durata e didattica: Il master si svolge da maggio 2019 ad aprile 2020. Lezioni e laboratori il venerdì e il sabato dalle 10 alle 18.

Sedi: Università degli studi di Milano-Bicocca, Piazza della Scienza, 1; Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, viale Pasubio, 5 Milano.

Requisiti: Tutte le lauree magistrali e lauree vecchio ordinamento e buona conoscenza della lingua inglese.

Posti: 25

Selezione: Le prove di selezione si terranno il giorno 29 marzo 2019, alle ore 10.00, presso l’Università degli Studi di Milano – Bicocca, Aula Marchetti – Edificio U1 Piano terra, piazza della scienza 1, Milano. La selezione per l’ammissione sarà effettuata attraverso la valutazione del curriculum, la valutazione di un breve progetto nell’ambito dello sviluppo sostenibile e un colloquio orale teso anche alla verifica della conoscenza della lingua inglese.

Graduatoria: La graduatoria di ammissione sarà consultabile qui.

Quota di partecipazione: 4.000 euro