Alla luce del sole

Capitolo 8

 
I moti di Stonewall
 
Stonewall Inn è un locale come gli altri nella New York di fine anni Sessanta. I suoi avventori però non sono considerati “normali” cittadini dalle autorità: la loro “colpa” è quella di essere omosessuali.

La polizia è solita fare irruzione nel locale per arrestare indiscriminatamente i clienti. Nella notte tra il 27 e il 28 giugno 1969 però Sylvia Rivera si oppone all’arresto, coinvolgendo nella rivolta oltre 2.000 persone nell’intero quartiere. Cinque giorni di scontri danno la forza a molti omosessuali di uscire dall’anonimato, rivendicando il diritto di vivere nella società con piena libertà. Entro la fine dell’anno il movimento per i diritti omosessuali si diffonde in tutti gli USA e nei paesi occidentali, saldandosi con la contestazione giovanile.
 
Il riconoscimento dei diritti LGBTQ
 
Da allora il movimento per i diritti LGBTQ ha seguito percorsi differenti: condividendo in alcuni casi le lotte più ampie di diritti collettivi e sociali, scegliendo in altri rivendicazioni più specifiche, legate alla realizzazione piena dei diritti civili individuali.

L’omosessualità viene ancora considerata un reato in molti paesi al mondo e in occidente il riconoscimento dei diritti LGBTQ resta ancora molto differenziato, scontrandosi con pregiudizi culturali e religiosi in materia di sessualità e definizione di genere: proprio per mantenere alta l’attenzione sul tema ogni anno, in ricordo dei moti di Stonewall, in molte parti del mondo viene celebrato il Gay Pride.

Guarda la photogallery

Approfondisci

 

1969

27 GIUGNO
Come altre notti, la polizia fa irruzione nei locali pubblici notoriamente frequentati dalla comunità omosessuale di New York. Mentre gli agenti procedono con alcuni arresti, molte delle persone accorse sul posto ingaggiano uno scontro aperto con le forze dell’ordine. I tre giorni di scontri urbani che seguono danno visibilità al movimento per i diritti della comunità omosessuale statunitense.
 

1990

17 MAGGIO
Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) toglie ufficialmente ogni riferimento agli orientamenti sessuali e alla transessualità dall’elenco delle malattie e dei disturbi mentali.
 

1998

17 SETTEMBRE
Il Parlamento Europeo approva una Risoluzione Sulla parità di diritti per gli omosessuali nell’Unione Europea valida in tutti gli Stati membri.
 

2018

6 SETTEMBRE
La Corte Suprema Indiana interviene con una sentenza storica depenalizzando il reato di omosessualità. Fino a quel momento l’omosessualità in tutto il paese viene punita con pene fino all’ergastolo, secondo una legge istituita a metà Ottocento durante il periodo coloniale.