Unidad Popolar

Pannello 2

Il recupero della sovranità nazionale sulle risorse naturali rappresentò il punto cardine dell’azione di governo, a cominciare dal rame, principale ricchezza del paese che era prevalentemente nelle mani del capitale statunitense.
Allende poté contare sul sostegno del Congresso e, nel luglio del 1971, fece approvare un emendamento costituzionale che sanciva “la proprietà assoluta, esclusiva, inalienabile e imprescrittibile” da parte dello Stato delle risorse minerarie del Cile.
Poi passò alla nazionalizzazione del settore finanziario e delle imprese più importanti. Non avendo una maggioranza parlamentare, l’esecutivo attuò il progetto acquistando direttamente le azioni sul mercato o ricorrendo a una legge mai applicata, che consentiva di intervenire in stabilimenti considerati di pubblica utilità che avessero interrotto la produzione o non stessero funzionando normalmente.
Dopo un solo anno di mandato, lo Stato controllava già molte imprese strategiche ed erano state nazionalizzate numerose aziende nordamericane. La spesa pubblica a carattere sociale, dall’edilizia popolare all’istruzione e alla sanità, era stata incrementata significativamente. Il potere d’acquisto delle fasce più deboli della popolazione fu rafforzato grazie a una più equa redistribuzione del reddito, una decisa politica di aumenti salariali e il congelamento dei prezzi dei principali beni di prima necessità. Altri innegabili risultati furono la crescita del PIL e della produzione industriale, la diminuzione della disoccupazione.
Allende procedette poi ad approfondire la riforma agraria introdotta dal precedente governo di Eduardo Frei Montalva. Il processo si sviluppò in un contesto di altissima conflittualità e violenza per due ragioni: la resistenza, anche armata, dei latifondisti; le rivendicazioni dei contadini, che occuparono le terre, spesso appoggiati dal MIR e da esponenti locali di UP.
In politica estera, l’iniziativa di Allende fu finalizzata a garantire il paese sulle “frontiere pericolose” e a evitare l’isolamento nel contesto latinoamericano. Di qui, la ripresa del dialogo con la Bolivia, la sottoscrizione della “dichiarazione di Salta” con l’Argentina, il ristabilimento dei rapporti diplomatici con Cuba suggellato dalla visita, nel 1971, di Fidel Castro in Cile.

Guarda la photogallery

Di seguito viene proposta la digitalizzazione della bacheca del secondo pannello della mostra, allestita con alcune foto di questo periodo storico.