Classici del Pensiero Politico

Un seminario permanente sui Classici del pensiero politico promosso da Università degli Studi di Milano e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

SeminarioSfoglia la PhotogalleryProgramma

classici, si sa, sono tali perché ci parlano di problemi sempre attuali, attraverso una dimensione storica che li attraversa e ci attraversa, generando in noi prospettive implicitamente comparate e dinamiche.

Anche negli studi universitari, il valore della lettura dei classici è percepito come insostituibile, per quanto questa prassi – sempre nuova per definizione, sempre, almeno potenzialmente, palingenetica, anche nella selezione degli stessi “classici” – sia riservata a eventi occasionali o alla buona volontà dei singoli studiosi. In ambito politologico, poi, il riferimento alla fonte diretta dei classici del pensiero politico costituisce un momento di crescita intellettuale indiscutibile e di riflessione feconda su problemi sociali e politici che l’attualità tende troppo spesso a schiacciare su un piano privo di profondità storica e teorica.

 

Il Seminario

 

classici, si sa, sono tali perché ci parlano di problemi sempre attuali, attraverso una dimensione storica che li attraversa e ci attraversa, generando in noi prospettive implicitamente comparate e dinamiche.

Anche negli studi universitari, il valore della lettura dei classici è percepito come insostituibile, per quanto questa prassi – sempre nuova per definizione, sempre, almeno potenzialmente, palingenetica, anche nella selezione degli stessi “classici” – sia riservata a eventi occasionali o alla buona volontà dei singoli studiosi.

In ambito politologico, poi, il riferimento alla fonte diretta dei classici del pensiero politico costituisce un momento di crescita intellettuale indiscutibile e di riflessione feconda su problemi sociali e politici che l’attualità tende troppo spesso a schiacciare su un piano privo di profondità storica e teorica.

Università degli Studi di Milano e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli hanno pensato così di creare un “Seminario permanente sui classici del pensiero politico” che porti in modo sistematico gli studenti universitari italiani a ragionare su categorie generali (tolleranza, utopia, capitalismo, democrazia, repubblica, giustizia, e altre ancora), attraverso la lettura di autori appartenuti a secoli e contesti differenti, che dedicarono la propria riflessione a questi temi. È sembrato, infatti, quanto mai opportuno, in tempi di mobilità e istantaneità, “permanere”, credere in un progetto formativo “seminariale”, valorizzare la lentezza della riflessione e affermare la certezza che quanto si sta realizzando abbia valore al di là dello spazio e del tempo contingenti.

 

 

È apparso utile, forse necessario,
se non invertire, temperare una certa tendenza generale, con la creazione di occasioni concrete di riflessione vis-à-vis, che attingano alla fonte inesauribile – anch’essa a suo modo “permanente” – dei classici, e generino, anche nel continuo dialogo con il patrimonio bibliografico della Fondazione, una prassi che è in sé metodo, un approccio nuovo di indagine sul presente, uno sguardo gravido di storicità rivolto al futuro.

Il “Seminario permanente sui classici del pensiero politico” è stato inaugurato il 28 giugno 2017, alle ore 18, con la presenza di Salvatore Veca, presidente onorario di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, e Davide Cadeddu, professore di Storia delle dottrine politiche dell’Università degli Studi di Milano, intorno ai contenuti “Liberalismo politico” (1993) di John Rawls. La nuova sede della Fondazione è sembrata rappresentare perfettamente il luogo più adeguato per sviluppare quel dialogo tra vita contemporanea (sempre alle prese con l’innovazione e le sue conseguenze) e ricerca storica (bibliografica o archivistica), che costituisce il senso più autentico dell’esperienza spirituale descritta da Niccolò Machiavelli nel 1513, con parole divenute ormai eterne:

Venuta la sera, mi ritorno in casa, et entro nel mio scrittoio; et in su l’uscio mi spoglio quella veste quotidiana, piena di fango et di loto, et mi metto panni reali et curiali; et rivestito con decentemente entro nelle antique corti degli antiqui huomini, dove, da loro ricevuto amorevolmente, mi pasco di quel cibo, che solum è mio, et io nacqui per lui; dove io non mi vergogno parlare con loro, et domandarli della ragione delle loro actioni; et quelli per loro umanità mi rispondono; et non sento per 4 hore di tempo alcuna noia, sdimentico ogni affanno, non temo la povertà, non mi sbigottisce la morte: tucto mi transferisco in loro.

Attraverso questo approccio metodologico, i classici potranno parlare, in modo sistematico, alle giovani generazioni, farsi intendere ancora e suggerire nuove soluzioni a nuovi problemi, che, tuttavia, hanno – come tutte le cose umane – sapore antico.

Davide Cadeddu

Sfoglia la photogallery

Se sei un docente, un ricercatore, un laureando o un dottorando e ti interessano le nostre fonti archivistiche e bibliografiche puoi inviare una richiesta di appuntamento a reference@fondazionefeltrinelli.it, specificando le risorse che desideri consultare, il titolo della ricerca e l’eventuale docente di riferimento.

Per tutte e tutti è possibile prenotare un posto dal giorno seguente e fino alle due settimane successive. La richiesta rimane valida 30 minuti dall’orario di apertura (9:30 al mattino, 14:00 al pomeriggio): alla scadenza il posto sarà riassegnato.

Il programma

Riserva il tuo posto in Sala di lettura tramite il servizio Affluences.

Per prenotare, bastano 3 clic!: seleziona il giorno, la fascia oraria desiderata (9.30-13.30 / 14.00 -19.00) e clicca su «prenota». Inserisci il tuo indirizzo e-mail, nome, cognome e riceverai un messaggio per confermare la tua prenotazione.

E’ possibile prenotare solo una fascia oraria alla volta:
Per studiare o lavorare in Sala di lettura tutta la giornata, è necessario prenotare ciascuna fascia oraria singolarmente.

Sei su mobile? Puoi prenotare tramite la App Affluences, IOS oppure Android.

Strumenti

Scopri l’archivio:

Archivio

Esplora la biblioteca:

Biblioteca

Restiamo in contatto