Esplora la biblioteca: consulta il catalogo Opac oppure gli strumenti bibliografici suggeriti dalla Fondazione



Opac Sbn - Regione Lombardia

La biblioteca della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli aderisce dal 1989 al Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN).

Per consultare il catalogo Opac SBN - Regione Lombardia Clicca qui

Consistenza patrimoniale
Periodici: 17.500
Periodici in corso: 109
Monografie: 200.000

Non si effettuano prestito esterno e prestito interbibliotecario.
Per informazioni scrivere a reference@fondazionefeltrinelli.it

In biblioteca

 

1) Raccolte librarie

Gli oltre 200.000 volumi conservati dalla biblioteca sono ordinati in sezioni per grandi aree nazionali, all’interno delle quali esistono ripartizioni tematico-cronologiche ricalcate sulle periodizzazioni della storia politico-sociale di ciascun paese.

Le raccolte librarie più significative – per consistenza e per qualità – sono quelle relative al pensiero politico ed economico degli illuministi (in Francia, Italia, Germania e Inghilterra); al Risorgimento italiano con particolare attenzione alla discussione economica; alle dinamiche sociali che accompagnano la Prima rivoluzione industriale in Inghilterra; ai moti del 1848 europeo (con particolare attenzione agli Antichi Stati Italiani; alla Seconda repubblica francese, ai moti di Berlino e di Vienna); alla Comune di Parigi; al movimento operaio e socialista tra XIX e XX secolo (in Gran Bretagna, Stati Uniti, Italia, Francia, Germania): alla storia delle Internazionali (Prima, Seconda e Terza); al movimento populista russo; alla vicenda politica, ideologica ed economica della Russia rivoluzionaria e poi dell’Urss; ai fascismi europei; alla Spagna, dalla Seconda repubblica alla Guerra civile; alle vicende della Primavera di Praga e di Solidarność; alle trasformazioni politiche e sociali del Nord America, dell’America latina, dell’Africa e dell’Asia nel Novecento.

2) Emeroteca storica

Le collezioni di periodici seguono lo stesso criterio di suddivisione per aree nazionali applicato alle sezioni librarie.

In particolare si segnalano:

  • le riviste di discussione economica del pensiero fisiocratico e della prima stagione dell’economia politica in Gran Bretagna, Francia e Italia;
  • una raccolta di periodici del triennio democratico (1848-1850) che accompagnarono i movimenti politici e culturali in Francia, in Italia e nell’Impero Asburgico;
  • i periodici del Risorgimento italiano dal “Conciliatore” ai giornali satirici e popolari degli anni ’50 e ’60 fino a “L’Asino”, la storica rivista di satira politica dal 1891 al 1926;
  • la stampa periodica delle correnti socialiste dell’Ottocento con particolare attenzione ai santsimioniani, fourieristi e owenisti;
  • i periodici della Comune di Parigi;
  • la stampa periodica dei movimenti operai e socialisti, dalle prime Società di Mutuo soccorso alla costruzione delle organizzazioni sindacali e politiche del Novecento europee;
  • i numeri unici del Primo maggio europeo tra 1891 e 1920;
  • i periodici della Guerra civile spagnola;
  • i giornali politici ed economici del fascismo italiano e dell’antifascismo;
  • la stampa periodica del fuoriuscitismo antinazista (in Cecoslovacchia, Francia, Stati Uniti e Messico);
  • le pubblicazioni periodiche del Bureau International du Travail;
  • le riviste culturali e politiche che accompagnarono la nascita dei partiti di massa del Novecento (da“L’Humanité” a “l’Avanti!”);
  • i periodici clandestini della Resistenza Francese;
  • le riviste dei movimenti giovanili e di protesta degli anni ’60 e ’70 in Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti;
  • i “samizdat ” e i periodici russi del periodo della Perestrojka;
    i giornali murali e le pubblicazioni della Cina maoista e dei movimenti di piazza Tiananmen.