La nuova frontiera americana

Da Allen Ginsberg a Woodstock

Introduzione alla mostra

La Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, in occasione del ciclo di eventi Autunno Americano, la cultura degli Stati Uniti a Milano (settembre 2013), promosso dal Comune di Milano, propone una mostra sull’estetica della controcultura americana degli anni Sessanta, con materiali originali tratti dal suo ricco patrimonio bibliografico e archivistico. In queste pagine potete fruire del percorso espositivo digitale.

Sixties

La mostra a cura di Bruno Cartosio – docente all’Università di Bergamo, studioso di storia sociale e culturale dell’America del Nord, autore di I lunghi anni Sessanta. Movimenti sociali e cultura politica negli Stati Uniti (Feltrinelli, 2012) – si propone di esporre alcuni esempi particolarmente significativi, per ricerca estetica e significato politico, della pubblicistica dei vari movimenti sociali che hanno segnato l’America degli anni Sessanta: quotidiani, pubblicazioni, volantini, fumetti, manifesti che raccontano di controcultura, pacifismo, psichedelia e liberazione sessuale.

Il percorso spazia dai Beat a Woodstock, dalle lotte degli afroamericani  ai movimenti di liberazione delle donne e dei gay, alle tante diramazioni della controcultura e della psichedelia. Libri e riviste autorevoli convivono con rare testate underground. Immagini multicolori illustrano la politica e l’attualità attingendo con assoluta originalità al Liberty, all’Art déco o alla grafica europea d’anteguerra. I temi pacifisti si vestono del celebre lettering morbido e floreale. Disegnatori che hanno fatto la storia del fumetto raccontano i piaceri proibiti dell’LSD o l’inferno del Vietnam.

Oltre alle immagini, si può guardare il documentario Monterey Pop Festival di D. A. Pennebaker: una testimonianza sull’incredibile esaltazione culturale di quell’America. Era il giugno del 1967 e nella cittadina di Monterey si celebrava il primo grande raduno della storia del rock.

Un evento unico e inedito: la possibilità di ascoltare alcuni artisti mentre facevano la storia della musica americana e mondiale. A Monterey nacquero i miti di Jimi HendrixJanis JoplinOtis Redding e tanti altri.