Lunedì 7 maggio
10 – 12.30: Sala Polifunzionale
Percorso con laboratorio per scuole secondarie di secondo grado in collaborazione con Step4 srl Impresa sociale
Tema: Come mangiamo? Alimenti, nutrizione e sostenibilità

Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria a formazione@fondazionefeltrinelli.it

Ogni giorno mangiamo per fame e sazietà, ma ciò che scegliamo di mangiare non è determinato unicamente da bisogni fisiologici o nutrizionali. FAO e WHO hanno stabilito che un adulto per non essere denutrito deve assumere in media una quantità compresa tra 1.800 e 2.100 calorie diversificate in proteinecarboidrati, grassi, ricche in mineralivitaminefibre e altre sostanze. Il percorso formativo Come mangiamo? Alimenti, nutrizione e sostenibilità affronta l’importanza dell’alimentazione nella sua funzione nutrizionale attraverso lo studio dei cereali a confronto.

Al termine del percorso di approfondimento, presso la sede di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli verrà proiettato un capitolo del documentario di ricerca La ruta de la quinua real (per guardare il video clicca qui) e svolta un’attività laboratoriale volta a comprendere come le scelte alimentari di ogni singolo consumatore abbiamo un impatto su scala globale.

_______________

Martedì 8 maggio
10 – 12.30: Sala Polifunzionale
Percorso con laboratorio per scuole secondarie di secondo grado in collaborazione con ActionAid
Tema: Agricoltura famigliare per la sicurezza alimentare

Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria a formazione@fondazionefeltrinelli.it

La dichiarazione del 2014 come anno internazionale dell’agricoltura famigliare ha portato al riconoscimento pubblico dell’importante ruolo svolto da questo tipo di sistema produttivo per la sicurezza alimentare a livello mondiale. Nello stesso tempo si assiste a un processo, spesso non riconosciuto, di femminilizzazione del lavoro sui campi. Soprattutto in ambienti ecologici che non consentono l’intensificazione e meccanizzazione agricola, la migrazione maschile verso aree urbane è diventata una strategia economica indispensabile. Quando il lavoro sui campi è per lo più destinato alla produzione di cibo per il consumo famigliare, con minimo investimento di capitale e con limitati sbocchi commerciali, sono le donne che diventano le maggiori responsabili del ciclo agricolo e di allevamento.
Attraverso l’analisi del caso himalayano si mette a fuoco il destino comune a molte aree marginali: l’impossibilità di industrializzazione agricola, la femminilizzazione dell’agricoltura e l’invisibilità sociale e politica del ruolo svolto dalle donne in agricoltura e per la sicurezza alimentare.
Il percorso si conclude con un incontro in Fondazione Giangiacomo Feltrinelli in cui è proposta un’attività laboratoriale che pone l’accento sull’importanza che l’agricoltura familiare riveste nell’economia e nell’alimentazione globale garantendo la sicurezza alimentare dei popoli.

________

Mercoledì 9 maggio
10 – 12.30: Sala Lettura
Percorso con laboratorio per scuole primarie
Tema: Mov_Eat. Il cibo in movimento

Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria a formazione@fondazionefeltrinelli.it
Che cosa mangiamo? Come arriva il cibo nei nostri piatti? Che fine fa il cibo che avanziamo? Il laboratorio Mov_Eat vuole promuovere la conoscenza dei vari tipi di alimenti che consumiamo ogni giorno e del percorso che fanno per arrivare dalla fattoria al consumatore finale.
I bambini verranno stimolati a riflettere sul tema della differenza tra piccola e grande distribuzione, essendo questo un concetto per loro quotidiano e usuale, portando come esempi il “sistema supermercato”, il “mercato locale”, i negozi di prossimità.
Nella seconda parte del laboratorio gli alunni sono i protagonisti. Divisi in gruppi, sarà loro assegnato un pasto e dovranno immaginare la filiera degli elementi che lo compongono e disegnare sulle tovagliette didattiche fornite – oggetto d’uso quotidiano nelle mense scolastiche – il percorso che i prodotti a loro assegnati hanno fatto per arrivare al loro piatto.

________

Giovedì 10 maggio
10 – 12.30: Sala Lettura
Percorso con laboratorio per scuole primarie in collaborazione con ActionAid
Tema: Gioco dell’oca contro gli sprechi alimentari

Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria a formazione@fondazionefeltrinelli.it

In Italia, dal campo alla tavola, ogni anno viene sprecato cibo per oltre 10 milioni di tonnellate, mentre nel mondo una persona su 7 trova il piatto vuoto sulla propria tavola ogni giorno. Il 17% di frutta e verdura acquistati, il 15% di pesce, il 28% di pasta e pane, il 29% di uova, il 30% di carne e il 32% di latticini finisce nei rifiuti. Una minima parte di queste percentuali, se utilizzate in maniera diversa, potrebbero sfamare anche gli otto milioni di poveri che la Caritas stima esserci tra il totale della popolazione italiana.
L’attività ludico didattica ha l’obiettivo di aiutare gli studenti e le studentesse della scuola primaria a imparare, giocando, a sprecare meno cibo e ad essere solidali con chi soffre la fame e a sviluppare una maggiore consapevolezza del valore del cibo, scoprendo i concetti di biologico, locale, stagionale.

________

Venerdì 11 maggio
10 – 12.30: Sala Polifunzionale
Percorso con laboratorio per le scuole secondarie di primo grado in collaborazione con Il Sandalo EquoSolidale Altromercato
Tema: Altromercato del cacao

Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria a formazione@fondazionefeltrinelli.it

L’Altromercato del cacao è un gioco di ruolo che permette di comprendere e analizzare, insieme agli studenti, i meccanismi dell’economia mondiale legati al mercato alimentare delle materie prime, per acquisire consapevolezza dei processi in atto e scoprire le possibili soluzioni, quelle globali e quelle che sono alla portata dei singoli consumatori. Il gioco di ruolo coinvolge attivamente i ragazzi nella sperimentazione di alcuni meccanismi del commercio internazionale (nello specifico del cacao) e introduce il meccanismo di funzionamento del commercio equo e solidale
I partecipanti saranno divisi in gruppi che rappresentano diversi paesi, alcuni produttori di cacao del Sud del Mondo, altri consumatori del Nord e dovranno confrontarsi con attori istituzionali quali le multinazionali, la borsa merci, gli operatori del commercio equosolidale. All’attività seguirà un momento partecipato di dibattito, stimolato dall’esperienza dei ruoli interpretati, delle dinamiche e delle emozioni emerse. Il dibattito porterà i ragazzi a riflettere sulla realtà del commercio internazionale e del commercio equo e solidale e sul concetto di sviluppo di un paese. Siamo consapevoli delle conseguenze che può avere il nostro stile di vita e di consumo sulla vita di persone che vivono in altri paesi? I meccanismi del commercio internazionale sono equi o vanno a discapito dei paesi più poveri? Il gioco laboratorio vuole essere uno stimolo per iniziare a riflettere sul ruolo che ciascuno di noi riveste come consumatore, e sul concetto di responsabilità personale. Segue una degustazione del cioccolato equosolidale Altromercato.

Condividi