Donzelli Editore

Proponiamo qui un estratto della Nota dell’Editore contenuta nel testo a cura di Angelo Bolaffi e Guido Crainz “Calendario civile europeo. I nodi storici di una costruzione difficile” (Donzelli Editore, 2019). Si ringrazia la casa editrice Donzelli per la gentile concessione. 

Le identità sono costruzioni collettive che si aggregano e si scompongono nel tempo. E attraverso di esse che le persone singole riconoscono tra loro una comune appartenenza, si legano ai luoghi, modellano i propri confini, si appropriano

degli spazi e dei nomi che li connotano, riempiendoli di contenuti spirituali, di valori simbolici, di tutti quei legami che determinano un sen­so di comunità.

Il caso storico della costruzione europea ha alle spalle una vicenda plurisecolare. Si veda al proposito la magistrale ricostruzione fatta da Lu­cien Febvre in quella pietra miliare della riflessione intellettuale sul tema che è L’Europa . Storia di una civiltà 2Dalla formazione dell’Impero ca­rolingio in avanti, la composizione e la gerarchia delle appartenenze si più volte mossa, spostando il suo pendolo, a seconda delle epoche e dei luoghi, dalla dimensione etnica a quella urbana, da quella regionale a quella statuale: e in quest’ultimo caso, variando su spazi territoriali di grandezza assai diversa (dai regni, ai principati, agli imperi). La costru­zione delle nazioni, che ha in molti casi preceduto quella dei relativi Stati, è il frutto di un lento processo storico, che solo a un certo punto le ha definite e imposte come il vertice della piramide identitaria.

Nel caso dell’ Europa (lo spazio più largo tra quelli di cui il nostro outillage identitario possa disporre), questo gioco di composizione _e scomposizione delle identità, già per sua natura plurale, è stato compli­cato dal fatto che l’Europa, nelle realtà storiche come nelle rappresen­tazioni, sembra aver connaturata una incomprimibile vocazione al a pluralità. A ben vedere, la pluralità è il suo più forte carattere distinti­vo: l’Europa è la pluralità delle sue componenti, la sua irriducibilità a un unico blocco. Lo dimostrano le guerre e i lutti che si sono verificati quando qualcuno (popolo, monarca, dittatore, nazione, impero) ha provato a forzare questa «regola».

«Varietas identitate compensata», per riprendere una felice for­mula adoperata da Leibniz in tutt’altro contesto, e adottata a propo­sito di Europa da Edmund Husserl: «la diversità compensata con l’identità». O l’Europa è questo, oppure è condannata alla fram­mentazione; o peggio – e sono stati i casi più tragici – alla violenza sopraffattrice.

Fa impressione leggere oggi le pagine finali della Storia d’Europa nel secolo decimonono di Benedetto Croce. Costretto dalla realtà a prendere atto che la stona non andava esattamente nel verso della libertà nel 1931 Croce sposta la questione dal campo della ragione a quello della fede.

Scrive, a mo’ di introduzione, quello splendido manifesto del pensiero liberale europeo che si intitola, per l’appunto, La religione della libertà. Le conclusioni del libro sono una coraggiosa sfida al disastro che in­combe. L’Europa è ammalata di una «febbre », di un impazzimento:

«L’attivismo imperversa ancora largamente; ma dov’è in esso la serenità d’animo la fiducia, la gioia del vivere». La malattia ha un nome preci­so: «nazionalismo». E per sconfiggerli Croce si affida a una speranza, che sembra un azzardo, un puro desiderio: «Già in ogni parte d’Europa si assiste al germinare di una nuova coscienza, di una nuova nazionalità (perché […] le nazioni non sono dati naturali, ma stati di coscienza e formazioni storiche)[…]. Questo processo di unione europea,[…] è direttamente opposto alle competizioni dei nazionalismi e già sta contro di essi e un giorno potrà liberarne affatto l’Europa». Ci vorranno anni terribili, e una guerra mondiale, prima che il desiderio possa iniziare ad avere qualche concreto riscontro. Seguiranno 75 anni di pace relativa e di tentativi di Europa. Ora, in un contesto del tutto mutato, segnato da una svolta repentina e dalle conseguenze imprevedibili come quella del­la caduta del Muro di Berlino, il clima è via via tornato a farsi minaccio­so. Vige il ripristino degli interessi nazionali. L’Europa non va di moda. Chi, oggi, si sentirebbe di «celebrarla»? E quali fasti, poi, se ne dovrebb­ero celebrare? La stessa impaginazione di questo nostro libro tiene conto di questa difficoltà celebrativa. Qui il calendario è organizzato se­guendo il filo degli anni, non secondo quello dei mesi e dei giorni. Più che celebrare, ci si propone di indagare, di cercare la chiave per la rico­struzione degli eventi-simbolo, di capire quali sono i mille fili che ten­gono unito questo continente, e quali le mille trincee che lo dividono.

Il deficit di Europa non deve essere cercato lontano: è dentro di noi. Prima che nella politica, nella cultura; prima che nel «popolo», in chi lo rappresenta e lo dirige; prima che nelle strade e nelle piazze, nelle scuo­le. Altro che «plebiscito di tutti i giorni». Quello evocato da Renan era buono per l’Ottocento e per la nazione francese. Per l’Europa del nuo­vo millennio al massimo si tratta di mettere una croce su una scheda elettorale ogni cinque anni, o di qualche referendum che offra l’occa­sione per dileggiarla.

Eccola, dunque, la preoccupazione civile, che ha motivato il proget­to e la realizzazione di questo Calendario civile europeo, nato da una idea di Guido Crainz, a cui si è presto associato Angelo Bolaffi. Eccola la domanda di fondo: perché pesa così poco, nella costruzione delle no­stre identità collettive, il sentirsi «europei»? Non sarà che l’identità eu­ropea si conquista con una dose di consapevolezza che passa attraverso la cultura? Non sarà che c’è di nuovo bisogno di studiare la storia?

 

Condividi
La Fondazione ti consiglia
pagina 76079\