Luoghi
di \

> torna alla pagina “Verso la Jobless Society Platform”

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli ha svolto ricerche organizzato seminari, pubblicato ebook sia dal proprio progetto di ricerca sia utilizzando risorse del proprio patrimonio.

Il tema è l’habitat del lavoro, il luogo fisico in cui si consuma l’atto del lavoro e della produzione, soprattutto in un’epoca di progressiva smaterializzazione.

Tre i temi proposti:

  • i nuovi luoghi produttivi
  • le piattaforme di sharing economy e le economie di prossimità
  • le politiche industriali da realizzare in ottica di sistema-Paese

nuovi_luoghi_produttivi
 


“Nuovi luoghi produttivi: la produzione nel tramonto della fabbrica”

Nuovi luoghi produttivi: la produzione nel tramonto della fabbrica vuole essere un momento di riflessione sul ritorno della città come centro di insediamento delle principali attività economiche. È un doppio processo che riguarda da una parte i nuovi attori del lavoro, i makers, ben inseriti in comunità locali (che spesso originano o si rafforzano in fablab, makerspace etc. etc.) e che, al tempo stesso,  si relazionano in comunità on-line a-spaziali o molto distanti tra loro [leggi l’ebook].

Allo stesso tempo abbiamo guardato alle trasformazioni urbane chiedendo a Andy Pratt che cosa sia una “città creativa” o che cosa sia la Città eterogenea [leggi l’ebook]  per capire come cambiano le realtà urbane dove le tecnologie digitali garantiscono ai cittadini  l’equità tra centro e periferia e offrono nuove opportunità di business e di soddisfazione dei propri bisogni locali attraverso una progettazione incentrata sul concetto di slow city [leggi l’ebook].

Un tema quella della città che è sempre stato al centro di chi anche nella prima età moderna si è posto il problema dello sviluppo governabile, per esempio Carlo Cattaneo [leggi l’ebook] o chi, per esempio Gherardo d’Arco [leggi l’ebook], si è preoccupato di dare attenzione al tema dello sviluppo sostenibile in rapporto alla campagna.


“Politiche industriali”

cover_erika_munnoCon questa espressione ci siamo chiesti cosa significa parlare di “produzione” e di “fabbriche” in una fase storica in cui l’industria ha perso la capacità di guidare la crescita sociale e si insiste sulla terziarizzazione dell’economia.  Come si può fare politica industriale oggi? [leggi l’ebook]  Chi sono i soggetti e gli attori coinvolti?

La politica industriale è il frutto della collaborazione tra istituzioni e grandi imprese capaci di influenzare standard di produzione e concorrenza internazionale.

La tecnologia [guarda la video intervista], tuttavia, ha prodotto un rapporto nuovo tra tutti i nodi della rete sociale, che si basa sull’interdipendenza e permette di puntare a un’economia delle connessioni e a una governance condivisa dello sviluppo.


“Sharing Economy”

La sharing economy si presenta come fenomeno articolato e controverso, proposto da alcuni come radicale ripensamento dei paradigmi di scambio e redistribuzione tradizionali, da altri come modello complementare o declinazione particolare dell’economia di stampo capitalistico.

Ci siamo chiesti: che cosa significa condividere? [leggi l’ebook]

E poi: in quali forme si presenta o si organizza “la “Sharing Economy”? quale cultura esprime e allo stesso tempo quali comportamenti inaugura? [leggi l’articolo]

Quale può essere il ruolo svolto dall’economia collaborativa nelle società contemporanee? [leggi l’ebook]