Possiamo creare un contesto pubblico digitale dove ospitare testi di giovani ricercatori e di grandi maestri, estratti dal nostro patrimonio e testi che provengono dai centri di ricerca con i quali lavoriamo sfruttando tutte le potenzialità del web?

Possiamo trasferire in una rivista dedicata alle scienze sociali l’impegno della nostra Fondazione a lavorare al fianco delle università e dei diversi ambiti della cultura?

Infine, una Fondazione di ricerca può puntare sul digitale come strumento non solo di conservazione ma di studio e condivisione che si alimenti costantemente di nuove ricerche e di nuove idee?

ViaRomagnosi prova a rispondere in modo affermativo a queste domande. Il nostro principale obiettivo è quello di aumentare i canali di semplificazione e accessibilità dei contenuti della ricerca senza perdere rigore scientifico e autorevolezza.

Vorremmo affidare a questa rivista, intitolata al luogo dove Giangiacomo Feltrinelli volle collocare l’Istituto Feltrinelli con la sua Biblioteca, il compito di creare un contesto dove si possa alimentare il bisogno del dubbio e vi si possa dar seguito con approfondimenti che partano dalla conoscenza della storia, dall’accoglienza delle diverse tesi, dall’elaborazione critica e dall’ascolto. Un contesto che parli di noi, di come siamo e come vogliamo crescere, ma che parli anche del nostro sguardo, e del nostro contributo, al Paese che vogliamo.

Massimiliano Tarantino
Segretario Generale di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

pagina 633\