La rivolta delle periferie

Capitolo 5

 
La Nuit noire
 
La notte parigina del 17 ottobre 1961 è conosciuta come la “Nuit Noire” (la notte nera). In opposizione al coprifuoco cui erano soggetti, 30.000 esponenti della minoranza algerina sfilano per le strade della capitale per protestare contro la cruenta guerra che dal 1954 le autorità francesi hanno scatenato per scongiurare l’indipendenza della colonia francese d’Algeria. Nella notte, la polizia ferma 11.000 manifestanti, usando i centri sportivi come luoghi di detenzione provvisori. Centinaia di dimostranti vengono ricoverati per le violenze subite e nelle settimane successive la Senna restituisce i corpi di diverse decine di persone dichiarate scomparse.
 
Problemi ancora attuali
 
I processi di sopraffazione e discriminazione sedimentati in oltre un secolo di dominio hanno tenuto a lungo la minoranza algerina nel territorio francese in una condizione di subalternità.

Negli anni del conflitto, l’opinione pubblica e il mondo intellettuale franco-algerino si dividono, generando rotture profonde. Come ha dimostrato la rivolta delle banlieue che nel 2005 ha sconvolto diverse città della Francia, ancora oggi, nella composizione delle società europee sono visibili i segni del passato coloniale e delle sue dirette conseguenze: la presenza di minoranze un tempo soggette a legislazioni discriminanti ed oggi a rischio di marginalizzazione sociale e economica.
Un problema che coinvolge anche le comunità frutto delle ondate migratorie degli ultimi decenni e che pone una questione ineludibile nella ridefinizione delle forme di cittadinanza.

Guarda la photogallery

Approfondisci

 

1954

1° NOVEMBRE – 19 MARZO 1962
In novembre i guerriglieri algerini del Fronte di liberazione nazionale compiono una serie di attacchi contro i centri del potere coloniale francese. Le autorità di Parigi reagiscono scatenando una repressione molto dura sulla popolazione civile e su chiunque venga sospettato di sostenere il FLN. I bombardamenti, le torture e le uccisioni sommarie perpetuate dall’esercito francese divisero l’opinione pubblica.
 

1961

17 OTTOBRE
La notte è conosciuta come la “Nuit Noire”. La polizia parigina reprime nel sangue una manifestazione organizzata dalla minoranza presente sul territorio francese per protestare contro la guerra in territorio algerino.
 

1962

3 LUGLIO
Dopo sette anni di guerra, tre milioni di civili deportati verso campi temporanei e quasi un milione di civili uccisi, l’Algeria conosce l’indipendenza a seguito di un referendum popolare.