12-04-2019 18:30
Luogo: Fondazione Giangiacomo Feltrinelli - Viale Pasubio 5, Milano

Stagione Capitale 2018/2019
Ripensare a Politica e politiche


Ingresso libero e gratuito fino esaurimento posti

Non è prevista prenotazione, pertanto si consiglia al pubblico di raggiungere la sede con 15 minuti di anticipo


 

 

Per il terzo appuntamento del ciclo What is Left / What is Right, venerdì 12 aprile alle 18.30, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli propone, in anteprima a Milano, ‘The Brink’, il documentario su Steve Bannon diretto da Alison Klayman – già autrice di “Ai Weiwei: Never Sorry” – che ha seguito per quindici mesi l’ex stratega di Donald Trump. Il ciclo di incontri – dedicato alla ridefinizione delle categorie politiche in vista delle elezioni europee 2019 -, viene introdotta da un dialogo, insieme alla regista, sul fenomeno della “destra alternativa” in America e in Europa. Presentato allo scorso Sundance Film Festival – il festival cinematografico dedicato al cinema indipendente statunitense – arriva nelle sale italiane il 29 aprile distribuito da Wanted Cinema con Feltrinelli Real Cinema.

“The Brink – Sull’orlo dell’abisso”, prodotto da Marie Therese Guirgis, ex collaboratrice di Bannon, segue l’ex stratega dal suo allontanamento dalla Casa Bianca fino al termine della sua campagna itinerante tra U.S.A ed Europa, e fa luce sui suoi sforzi per dare vita a The Movement, l’organizzazione creata per promuovere una politica sovranista e populista nel Vecchio e Nuovo Continente, al fine di unificare i partiti di estrema destra.

Bannon è al centro delle polemiche e delle proteste Bann Off per la trasformazione dell’antica Abbazia di Trisulti, nel Lazio, in un incubatore per futuri sovranisti europei, considerato luogo nevralgico del neo populismo europeo in vista delle elezioni europee di maggio 2019.



Quando Steve Bannon lasciò la sua posizione di capo stratega della Casa Bianca meno di una settimana dopo lo “Unite the Right Rally” (noto anche come disordini di Charlottesville, manifestazione organizzata dai suprematisti bianchi nell’agosto 2017), era già una figura ben nota nella cerchia ristretta di Donald Trump per aver portato un’ideologia di estrema destra nelle più alte sfere della politica americana. Non vincolato da un incarico ufficiale – anche se alcuni dicono che abbia ancora una linea diretta con la Casa Bianca – si è sentito libero di utilizzare la sua influenza per trasformare il suo controverso movimento nazionalista in un movimento globale.

The Brink segue Bannon attraverso le elezioni di medio termine del 2018 negli Stati Uniti e fa luce sui suoi sforzi per mobilitare e unificare i partiti di estrema destra per ottenere seggi nelle elezioni europee di maggio 2019. Per conservare il suo potere e la sua influenza, l’ex banchiere di Goldman Sachs nonché investitore nel settore dei media (è stato fondatore della società Bannon & Company ed ex direttore di Breitbart News), reinventa così se stesso per l’ennesima volta, in questa circostanza come leader auto-nominato di un movimento populista globale. Manipolatore acuto della stampa e formidabile promotore di se stesso, Bannon continua a riempire le pagine dei giornali e scatena proteste ovunque vada, alimentando il potente mito su cui si basa la sua sopravvivenza.


The Brink – Official Trailer


Il ciclo What is Left / What is Right


Sinistra e destra sono categorie ancora ampiamente utilizzate per orientarsi nel dibattito pubblico e inquadrare i fenomeni politici. Eppure sta diventando sempre più difficile tracciarne i contorni, servirsene per disegnare le linee di frattura sui temi caldi della politica.

Sinistra e destra hanno ancora senso? Sono utili per interpretare i nuovi fenomeni politici? Possono ancora essere un riferimento e un elemento di schieramento sulle sfide cui siamo chiamati a rispondere in termini di cittadinanza, diritti civili, inclusione sociale e integrazione europea?

Il ciclo di talk What is Left / What is Right vuole offrire una definizione di sinistra e di destra nel XXI secolo, facendo incontrare i cittadini con personalità rilevanti della politica e della cultura europea e internazionale.

La Fondazione ti consiglia
pagina 58627\