Dal 30 maggio 2017
Ore: Lun / Ven 9.30-17.30
Luogo: Fondazione Giangiacomo Feltrinelli - viale Pasubio 5 Milano

 

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, nell’ambito di ricerca Futuro del lavoro, promuove la mostra Altrilavori, Immagini dal pianeta 4.0, un percorso fotografico sulle trasformazioni del mondo del lavoro, a cura di Luca Andreoni e Francesco Zanot, in partnership con il Master Naba in Photography and Visual Design e The Adecco Group. In un’epoca in cui il binomio tra crescita e occupazione sembra allentarsi, una riflessione su tecnologia, intelligenza artificiale, competenze e creatività umana.

 

 

A partire dal complesso fenomeno della “Jobless Society”, la mostra riflette sulla possibilità di definire un nuovo immaginario fotografico del lavoro. Se nella prima parte del Novecento e nel periodo immediatamente successivo alla Seconda Guerra Mondiale l’evoluzione del lavoro è stata accompagnata da un apparato iconografico estremamente chiaro e riconoscibile, le ultime radicali trasformazioni in questo settore non sono invece state accompagnate da un simile adeguamento sul piano della ricerca visiva. ALTRILAVORI risponde a questa mancanza formulando una serie di proposte che riflettono lo stato attuale del mondo del lavoro e ne rappresentano alcune caratteristiche: l’interconnesione; la condivisione di strumenti, spazi e infrastrutture; la specializzazione e la dilatazione delle competenze individuali; l’automazione tecnologica e la sua integrazione con l’attività dell’uomo. La natura sostanzialmente immateriale della gran parte di queste qualità distintive ha costituito la sfida più complessa per ogni autore, chiamato ad utilizzare il linguaggio puramente visivo della fotografia per confrontarsi con l’invisibile e trasformarlo nel suo opposto.

La mostra si sviluppa attraverso una serie di approfondimenti e può essere letta in due direzioni: innazitutto, singolarmente ogni progetto costituisce un’investigazione di un caso studio o un aspetto specifico del nuovo universo lavorativo, analizzandolo attentamente; in secondo luogo, nell’insieme i diversi lavori prodotti per questa occasione forniscono una visione ampia e articolata di un fenomeno complesso. Così la capacità di documentare e raccogliere informazioni della fotografia si mescola qui con la sua inevitabile natura espressiva, per cui ogni immagine non costituisce necessariamente un’infallibile testimonianza della realtà, ma un tentativo di darle forma e comprenderla. Allo stesso modo, ALTRILAVORI prende le mosse dal presente, l’unico tempo che la fotografia possa cogliere, per compiere uno slancio nel prossimo futuro: come rabdomanti nell’era digitale, nel proporre una nuova iconografia i giovani autori di questa mostra hanno captato indizi, sintomi e segnali delle possibili alterazioni dell’universo che li attende.

La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 21 giugno e presenta i lavori di Alessandro Braconi, Nicolò Carlon, Alice De Santis, Andres Diaz Rosselli, Claudia D’Oncieu De Chaffardon, Claudia Fuggetti, Irene Guandalini, Ke Huang, Giulia Leggieri, Li Jialin, Antonio Liverani, Flavio Moriniello, Paola Ristoldo, Federica Rossi, Tania Zangrillo, Zhang Yi.

 


Visita guidata il 5 giugno, alle 14.30, con il curatore Francesco Zanot. Per prenotare: visiteguidatefgf@gmail.com


 

 

La Fondazione ti consiglia
pagina 31415\